Pizzeria Betra Salerno

Salernitana da Dr Jekyll e Mr Hyde: 2-1 per il Vicenza

Della Rocca dà nuova speranza ai granata dopo la doppietta subita per opera di Signori

admin

Nell’anticipo della quarta giornata del campionato di Serie B, l’Arechi mostra ancora una volta tutto il suo calore per una squadra che sembra ancora tutta da assemblare. Dopo un minuto di silenzio osservato per la dipartita dell’ex presidente Carlo Azeglio Ciampi, l’arbitro Juan Luca Sacchi ha dato il via alle danze che, per una buona mezz’ora, hanno visto in pista una sola squadra: il Vicenza. Gli ospiti sono infatti partiti a spron battuto, aggredendo subito la retroguardia granata nelle prime battute di gioco e riuscendo a intimorire Terracciano già dai primi minuti con diverse incursioni: la prima, al ‘3 minuto, portata avanti da Vita, ha prodotto un invitante assist al centro dell’aria che non è stato però colto da nessun compagno; tuttavia, dopo appena 4 minuti, ci ha pensato Signori a spingere la palla in rete da distanza ravvicinatissima dopo una bellissima triangolazione fra Galano e Raicevic, che ha spalancato al numero 8 vicentino la porta di Terracciano. La reazione della Salernitana è tardata ad arrivare ed è stata scandita da ritmi blandi e confusi, sulla falsa riga dei primi venti minuti contro il Verona. Di fatti, al 21′, ci ha pensato ancora una volta il mattatore Signori a trasformare in oro un’azione da manuale imbastita da Zaccardo e Galano. La Salernitana ha provato a riaffacciarsi in avanti con sterili lanci lunghi che hanno portato a innocue conclusioni di testa di Perico prima e Coda poi. Quando sembrava ormai che la partita stesse incanalandosi verso i binari di un film dell’orrore, ci ha pensato l’esperto Della Rocca,al ’32, a mettere a segno il gol della speranza su un assist confezionato da calcio d’angolo per metà dall’ottimo Rosina e per metà dall’infaticabile curva granata, fiore all’occhiello di un vestito cucito male da mister Sannino. La squadra, galvanizzata dalla rete, ha provato a riacciuffare le redini del match, creando anche qualche occasione degna di nota, senza riuscir tuttavia a riprendere del tutto il risultato, anche per demerito del direttore di gara, non impeccabile in diverse decisioni. Una punizione sparata alta da Rosina ha sancito la fine della prima frazione di gioco. Toccherà a Sannino dare ulteriore carica ai suoi negli spogliatoi per cercare di raddrizzare una partita nata in maniera storta, come troppo spesso accade in questo inizio di stagione. Nella grande cornice del teatro dell’Arechi c’è però da mettere in evidenza un brutto episodio accaduto nel pomeriggio che ha visto alcuni tifosi granata tentare di assalire il pullman dei tifosi vicentini arrivati a Salerno. Il blitz dei salernitani è stato però respinto con successo dalla polizia che ha ristabilito l’ordine fra le parti.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.