Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Salernitana a caccia del terzo posto solitario, ma con il Frosinone è 0-0 (pt)

Anderson, Tutino e Casasola vicini al gol dopo un inizio non particolarmente brillante dei granata

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-FROSINONE 0-0

SALERNITANA. Belec, Mantovani, Gyombér, Veseli, Kupisz, Coulibaly (18’ Capezzi), Di Tacchio, Kiyine, Casasola, Anderson, Tutino. A disp.: Adamonis, Micai, Sy, Jaroszynski, Boultam, Schiavone, Barone, Antonucci, Cicerelli, Kristoffersen. All.: Castori.
FROSINONE. Bardi, Brighenti, Szyminski, Capuano, Zampano, Gori, Carraro, Kastanos, Brignola, Novakovich, Vitale. A disp.: Iacobucci, Marcianò, Curado, Salvi, D’Elia, Ciano, Maiello, Rohden, Parzyszek, Tribuzzi, Ariaudo. All.: Grosso
ARBITRO. Ayroldi di Molfetta.
NOTE. Ammoniti: Anderson, Vitale; calci d’angolo: 2-2; minuti di recupero: 3’.

Salernitana a caccia del terzo posto solitario, ma con il Frosinone è 0-0. Anderson, Tutino e Casasola vicini al gol dopo un inizio non particolarmente brillante dei granata IL PRIMO TEMPO. Davvero poco da segnalare durante i primi dieci giri di lancette. Tanto possesso palla, qualche timido tentativo dei laziali e padroni di casa ancora in attesa di scuotersi nonostante Castori abbia puntato sull’estro di Kiyine e Anderson. Il tecnico di Tolentino deve fare a meno della sua pedina chiave nella zona mediana. Coulibaly, toccato duro da Vitale, è costretto a lasciare il manto erboso dell’Arechi. Dentro Capezzi. Trascorrono altri dodici minuti e di conclusioni verso lo specchio della porta nemmeno a parlarne. Portieri inoperosi, ma la pressione dei ciociari imbriglia Di Tacchio e compagnia. Il primo squillo, però, è proprio dell’undici granata. Controllo suntuoso e assistenza pregevole di Tutino per l’arrivo dell’ex Lazio, piatto sinistro e sfera di qualche centimetri lontano dal gonfiare la rete. Dall’altra parte è bravo Mantovani a murare Brignola sul più bello. Nove al termine, passaggio arretrato di Szyminski, Bardi scivola e tocca (tra petto e braccio) per evitare il tocco vincente di Tutino. Calcio piazzato nel cuore dell’area di rigore ed il numero uno del Frosinone, con il sostegno di una barriera non a distanza regolamentare, frena Anderson. Ad un passo dal duplice fischio, si rivedono i ragazzi di Grosso. Da rivedere il destro di Zampano. Vuole chiudere avanti la formazione campana. Cross di Kiyine, l’estremo difensore ciociaro dice no per ben due volte prima a Tutino e poi a Casasola.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.