Richiedi la tua pubblicità
No Signal Service

Salernitana, bianco che più bianco non si può: 0-0 con l’Ascoli

Sesto pareggio in otto gare per i ragazzi di Bollini. I bianconeri di Maresca sbagliano un calcio di rigore con Rosseti. Protagonista del match il portiere granata Adamonis. Tre reti annullate ai campani

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-ASCOLI 0-0

SALERNITANA. Adamonis; Mantovani, Schiavi, Vitale; Di Roberto (10′ st Ricci), Odjer, Minala, Zito (43′ st Alex); Sprocati; Rodriguez, Bocalon (25′ at Cicerelli). A disp.: Iliadis, Capasso, Asmah, Rizzo, Della Rocca, Signorelli, Rossi, Rosina, Kadi. All.: Bollini.
ASCOLI. Lanni, Carpani (23′ st D’Urso), Mogos, Padella, Gigliotti, Addae, Buzzegoli, Pinto, Lores Varela (41′ st Cinaglia), Rosseti (36′ st Santini), Baldini. A disp.: Ragni, Clemenza, De Feo, Castellano, De Santis, Florio, Mignanelli, Pinto, Venditti, Parlati. All.: Fiorin.
ARBITRO. Pillitteri di Palermo (De Troia e Raspollini); quarto uomo: Martinelli.
NOTE. Spettatori: 8.360; ammoniti: Zito, Vitale, Di Roberto, Buzzegoli, Addae, Ricci; calci d’angolo: 8-4. minuti di recupero: 1′ pt e 3′ st

Salernitana, bianco che più bianco non si può. Pareggio senza reti e fischi sonori per la formazione granata al termine della contesa con il giovanissimo Ascoli. A recriminare, al triplice fischio di chiusura, sono proprio i bianconeri: in particolare con il rigore fallito da Rosseti. La palma del migliore in campo, in casa campana, per il numero uno Adamonis (e non solo per il penalty respinto). Tre, invece, le reti giustamente annullate a Minala e compagnia. LA PARTITA. La fase di studio dei ventidue contendenti sul manto erboso dell’Arechi dura appena quattro giri di lancette. A frenare la realizzazione aerea di Rodriguez, però, è la bandierina del fuorigioco. Niente da segnalare sul fronte Ascoli, la giovane compagine guidata dal duo Forin-Maresca. L’undici di Bollini, nonostante l’emergenza difensiva, lascia a debita distanza dal numero Adamonis (esordio in campionato) gli avanti bianconeri. Superato il decimo minuto, al termine di una elegante combinazione tra Rodriguez e Sprocati, è Bocalon a spedire di poco alto sulla traversa. Poco più tardì, protagonista sempre l’ex centravanti dell’Alessandria, seconda rete annullata ai campani. L’anticipo pulito e tempestivo di Mantovani, nel cuore dell’area di rigore, certifica anche la presenza dell’Ascoli in campo. Una cosa è certa, la contesa dell’Arechi non regala emozioni degne di tal nome. La Salernitana ci prova, in confusione, ma non riesce a colpire un avversario “chiuso” a dovere nella propria parte di campo. Ventiquattresimo, incursione marchigiana e tocco con il braccio di Zito. Pillitteri assegna il penalty e Rosseti, molle quanto basta, rende sin troppo semplice il compito dell’estremo difensore granata. Archiviata la grande paura, risposta immediata dei ragazzi di Bollini con Odjer: staffilata dai venti metri di un niente lontana dal bersaglio grosso. Verso il tramonto della prima parte di gara, al termine di un discreto vorrei ma non posso, Minala e compagnia provano a sgretolare il muro del “Picchio” con un assolo di Di Roberto stopatto, proprio sul più bello, dal diretto marcatore. L’occasione più ghiotta del match è firmata ancora dal colore bianco e nero ad un passo dal duplice fischio di chiusura. Addae, completamente dimenticato dalla retroguardia campana, spedicesce incredibilmente sul fondo a pochissimi centimetri dalla linea bianca di porta. La ripresa parte con il piede sull’acceleratore. La Salernitana reclama (giustamente) undici metri di felicità e sull’azione successiva, nel più classico dei contropiede, l’Ascoli non gonfia la rete a causa della pessima mira del proprio cecchino. Al minuto cinque risorge la formazione di casa. Sprocati assiste e Rodriguez, d’esterno destro, lascia strozzato in gola l’urlo di gioia ai tifosi della “Curva Sud”. Nella circostanza, per questione di fiato e tempestività, non trova la deviazione vincente Bocalon. L’aitante punta prosegue il suo digiuno al giro di lancette diciotto, a murargli la strada verso il gol l’intervento in uscita di Lanni. Trascorrono pochi secondi ed arriva il terzo gol annullato ai campani. La posizione non regolare, di un piede praticamente, è di Rodriguez. Si rivedono i ragazzi di Fiorin. Calcio piazzato a giro di di Buzzegoli e deviazione prodigiosa di Adamonis (migliore in campo). Show, uguale assolo, del nuovo entrato Cicerelli al trentesimo ma il pipelet marchigiano dice ancora di no. Botta e risposta tra Lanni e Adamonis rispettivamente su Bocalon e Baldini. Il classe ’96 dell’Ascoli manca il vantaggio anche al minuto quaranta con un temibile destro a giro, seguita dalla punizione di Buzzegoli (ancora lui) che colpisce il legno. Cala il sipario in via Allende, sesto pari per la Salernitana e tanti dubbi: tecnici e tattici.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.