Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, Mancosu ci mette lo zampino: Lecce avanti (1-0 pt)

Primo tempo al "Via del Mare": i granata non pungono. I lupi salentini sfruttano una disattenzione difensiva e la deviazione involontaria di Vitale

Alfonso Maria Tartarone

LECCE-SALERNITANA 1-0

LECCE (4-3-3). Vigorito, Petriccione, Arrigoni, Mancosu, Meccariello, Pettinari, Falco, Lucioni, Calderoni, Fiamozzi, Scavone. A disp.: Bleve, Cosenza, Chiricò, Lepore, Torromino, Haye, Marino, Dubickas, La Mantia, Tabanelli, Venuti, Armellino. All.: Liverani.
SALERNITANA (3-5-2). Micai, Vitale, Di Gennaro, Djuric, Casasola, Akpa Akpro, Schiavi, Castiglia, Migliorini, Perticone, Jallow. A disp.: Russo, Mantovani, D. Anderson, Gigliotti, Mantovani, Pucino, Di Tacchio, Mazzarani, Odjer, Palumbo, A. Anderson, Bocalon, Vuletich. All.: Colantuono.
MARCATORE. 4′ Mancosu.
ARBITRO. Di Martino di Teramo.
NOTE. Calci d’angolo: 1-0; ammoniti: Migliorini, Castiglia, Vitale; minuti di recupero: 1′ pt.

Mancosu ci mette lo zampino per i lupi salentini (in rovesciata e ringraziando la deviazione involontaria di Vitale). Salernitana sotto di una rete a Lecce. IL PRIMO TEMPO. Trascorrono poco più di sessanta secondi: da una parte Petriccione e dall’altra Castiglia ci provano dalla distanza, la mira è decisamente da rivedere. I padroni di casa non tirano il freno a mano. Calcio d’angolo, Mancosu (già a segno contro i granata nel derby con la Casertana nel campionato del ritorno in cadetteria) trova spazio e tempo per una coraggiosa rovesciata nel cuore dell’area di rigore, deviazione con la spalla di Vitale e Micai deve raccogliere la sfera in fondo al sacco. Giallorossi avanti al quarto giro di lancette. La reazione dell’undici di Colantuono tarda ad arrivare. E’ necessario attendere il diciassettesimo minuto. Punizione non velenosa dell’educato mancino di Di Gennaro. Si rivede il Lecce, che non fatica più di tanto a tenere a bada gli avversari, al trentesimo. Tocca a Fiammozzi, anche per lui da calcio piazzato, non disporre dell’adeguata precisione per finalizzare il raddoppio. Ad un passo dal duplice fischio di chiusura è nuovamente l’ex Lazio a tentare la via del pareggio. Il suo sinistro, dopo un delizioso assist di Akpa Akpro, termina la sua corsa sopra la traversa.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.