Assistenza computer salerno e provincia
Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, il bacio è amaro: 3 a 1 Perugia

Il match del "Curi". Casasola riapre i giochi nel primo tempo dopo i gol di Verre e Sadiq. In superiorità numerica, espulso l'ex Roma al 53', i granata subiscono il tris di Han. I play-off restano un miraggio

Alfonso Maria Tartarone

PERUGIA-SALERNITANA 3-1 (2-1)

PERUGIA. Gabriel, Rosi, Sgarbi, Gyomber, Mazzocchi, Falzerano, Carraro, Dragomir (80′ Oulai), Verre (91′ Kingsley), Sadiq, Melchiorri (65′ Han). A disp.: Bizzarri, Perilli, Falasco, Felicioli, Bordin, Bianco, Moscati, Ranocchia, Vido. All.: Nesta.
SALERNITANA. Micai, Pucino (75′ Orlando), Migliorini, Mantovani, Casasola, Minala (46′ st Odjer), Di Tacchio, Lopez; A. Anderson, Jallow, Djuric (62′ Calaiò). A disp. Vannucchi, Lazzari, Gigliotti, D.Anderson, Memolla, Vuletich, Marino, Mazzarani. All.: Gregucci.
MARCATORI. 28′ Verre, 31′ Sadiq, 34′ Casasola, 71′ Han.
ARBITRO. Guccini di Abano Laziale.
NOTE. Spettatori: 8.856, 821 provenienti da Salerno; espulso: 53′ Sadiq per somma di ammonizioni; ammoniti: Carraro, Falzerano, Lopez, Odjer, Casasola, Mantovani; angoli: 7-3; minuti di recupero: 2′ pt e 5′ st

Salernitana, il bacio è amaro: 3 a 1 Perugia. Casasola riapre i giochi nel primo tempo dopo i gol di Verre e Sadiq. In superiorità numerica, espulso l’ex Roma al 53′, i granata subiscono il tris di Han. I play-off restano un miraggio. LA PARTITA. Quattro giri di lancette ed il pacchetto arretrato campano vacilla. Sadiq aziona il turbo e Minala, dopo l’uscita poco tempestiva di Micai, evita guai peggiori. Rispondono i granata tre minuti più tardi. Traversone di Casasola e deviazione aerea poco efficace di Djuirc. Contesa vivace. Tocca nuovamente ai padroni di casa con l’ex Roma: assistenza per Melchiorri, conclusione a botta sicura e deviazione decisiva di Migliorini. I grifoni provano a mettere alle corde gli avversari. Mantovani e compagnia, pur con qualche affanno, tengono a bada la qualità e la rapidità di Verre e Dragomir. Dell’undici di Gregucci nessuna traccia in fase offensiva. Ed all’ennesima incursione centrale (28′) è proprio Verre, con il suo velenoso destro (complice il tocco di Migliorini), a superare Micai. Trascorrono sessanta secondi, la Salernitana sbanda paurosamente, Sadiq prima trova sulla sua strada il portiere campano e successivamente riesce a fulminarlo sul palo di competenza con un velenoso destro. Granata ko? Nemmeno per sogno. Gli umbri si rilassano ad alla prima vera azione ben congeniata (34′), ad illuminare il piede di A. Anderson, il diagonale di Casasola (sesto centro stagionale) riapre i giochi. Al via la ripresa. Subito un cambio. Fuori Minala, dentro Odjer. Al 53′ Perugia in inferiorità numerica. Pucino in anticipo sistematico su Sadiq, due gialli in pochissimi giri di lancette e doccia anticipata. La Salernitana deve iniziare a premere sull’acceleratore. Non fa complimenti nemmeno l’ex Catania. Intervento da rosso diretto, Guccini ed il collaboratore di linea lo graziano. Animi tesi al “Curi”. Scontri duri e calcio giocato con il contagocce. Scocca l’ora di Calaiò. In panca un inconsistente Djuric (ma non è una novità). La prima opportunità campana? Passa attraverso il tiro, debole, di Di Tacchio al 67′. Il punto debole della truppa di Gregucci è rappresentato dal calcio piazzato. Detto fatto. Falzerano pennella, stacco aereo di Gyomber e Han, appena entrato e libero di agire nonostante la superiorità numerica, infila Micai per il tre a uno. Nel finale girata non efficace di Jallow, ipotesi di rigore per fallo dello stesso gambiano su Rosi e nuovo tonfo esterno dei granata dopo Verona.

Assistenza computer salerno e provincia
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.