Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Salernitana, punto e basta: 1 a 1 con il Lecce

Al 90'. All'Arechi, nella sfida al vertice, granata avanti con Capezzi: rimedia per i salentini Mancosu dagli undici metri. Granata scavalcati in vetta dall'Empoli

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-LECCE 1-1 (1-0)

SALERNITANA. Belec, Mantovani, Gyomber, Aya, Casasola, Capezzi, Dziczek (61′ Schiavone), Anderson (55′ Kupisz), Lopez (82′ Veseli), Tutino (82′ Giannetti), Gondo (61′ Djuric). A disp.: Adamonis, Antonucci, Baraye, Bogdan, Cicerelli, Iannoni, Karo. All.: Castori.
LECCE. Gabriel, Adjapong, Lucioni, Meccariello, Calderoni (72′ Zuta), Henderson (83′ Mayer), Tachtsidis, Listkowski (72′ Paganini), Mancosu, Coda (83 Falco), Pettinari (63′ Stepinski). A disp.: Bjorkengren, Bleve, Maselli, Monterisi, Rossettini, Vigorito. All.: Lanna.
MARCATORI. 11′ Capezzi, 53′ Mancosu su rigore
ARBITRO. Chiffi di Padova.
NOTE. Espulso: 89′ Castori; Ammoniti: Dziczek, Djuric (dalla panchina), Lanna, Tutino, Stepinski, Giannetti; calci d’angolo: 2-9; minuti di recupero: 0′ pt e 5′ st.

Salernitana, punto e basta: 1 a 1 con il Lecce. All’Arechi, nella sfida al vertice, granata avanti con Capezzi: rimedia per i salentini Mancosu dagli undici metri. Granata scavalcati in vetta dall’Empoli IL PRIMO TEMPO. Tanto possesso palla per i pugliesi mentre i padroni di casa attendono il momento giusto per ripartire. Dal decimo giro di lancette la contesa si anima. Stacco aereo di Lucioni e Belec, per questione di centimetri, anticipa l’ex Coda proprio sul dischetto del rigore. Non trascorrono nemmeno sessanta secondi, Anderson ispira con un destro incantevole e Capezzi (nella insolita veste di centravanti) colpisce Gabriel con un preciso piatto destro. Granata avanti. La reazione salentina, otto minuti più tardi, è affidata ad Adjapong: deviazione in angolo. La Salernitana non si lascia intimorire. Tutino per il talento brasiliano, tiro fuori misura. I campani sembrano tenere a bada la voglia di rivalsa degli avversari. Da segnalare, infatti, una sola conclusione verso lo specchio della porta. Pettinari non trova impreparato il numero uno ex Carpi. Nel finale torna a farsi vedere Coda. Controllo e mira da registrare. Adesso spinge il Lecce. Traversone velenoso di Henderson con la sfera che sfiora il palo. Si riparte e si riaccende la pressione, seppur sterile, dei ragazzi di Lanna. Fatale, però, è lo sgambetto di Lopez su Mancosu. Calcio di rigore affidato allo specialista giallorosso e pareggio (53′). Castori, alla ricerca di brillantezza, opta per il primo cambio. Dentro Kupisz, sotto la doccia Anderson. I granata sembrano alle corde. Coda dalla distanza, Belec c’è. L’estremo difensore, merito del colpo di testa sin troppo tenero dell’ex Casertana, si ripete evitando il raddoppio del Lecce. In casa Salernitana c’è da rimodellare l’undici sul manto erboso. Gondo non regge il reparto offensivo: scocca l’ora di Djuric. In mediana tocca a Schiavone per Dziczek. I campani riprendo fiato ed al settanduesimo, cross di Kupisz, l’ariete bosniaco solletica il legno alla destra di Gabriel. Ancora la Salernitana ad un niente dal sorpasso. E’ sempre l’ex Trapani a farsi trovare pronto per l’assistenza, Tutino di prima intenzione non centra il bersaglio davvero di pochissimo. Ultimi giri di lancette. Mancosu gira verso il cuore dell’area rigore, ma nessun compagna di squadra è pronto alla deviazione vincente. Cinque di recupero con tanta foga e poco altro.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.