Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Salernitana, punticino a Pordenone: playoff a rischio (1-1)

Al 90'. A Trieste accade tutto nel primo tempo e dal dischetto: Di Tacchio risponde a Burrai. Con lo Spezia vietato sbagliare

Alfonso Maria Tartarone

PORDENONE-SALERNITANA 1-1

PORDENONE. Di Gregorio; Almici, Barison, Bassoli (25′ st Camporese), Gasbarro (10′ st Smenzato); Misuraca, Burrai, Pobega (38′ Mazzocco); Gavazzi (38′ st Tremolada); Ciurria, Bocalon (10′ st Candellone). A disp. Bindi, Stefani, Strizzolo, Chiaretti, Pasa, Mazzocco, Zanon, Zammarini. All. Tesser
SALERNITANA.Vannucchi; Aya, Heurtaux, Jaroszynski; Cicerelli, Dziczek, Di Tacchio, Capezzi (36′ Akpa Akpro), Curcio; Giannetti, Gondo (42′ Djuric). A disp. Micai, Migliorini, Jallow, Karo, Galeotafiore, Iannone, Maistro. All. Ventura
MARCATORI. 17′ Burrai su rigore, 25′ Di Tacchio su rigore
ARBITRO. Pezzuto di Lecce.

Salernitana, punticino a Pordenone: playoff a rischio. A Trieste accade tutto nel primo tempo e dal dischetto: Di Tacchio risponde a Burrai. Con lo Spezia vietato sbagliare. LA PARTITA. Sei giri di lancette, Dziczek si addormenta e Ciurria per questioni di centimetri non arriva all’appuntamento con la marcatura. I granata restano a guardare. Tanto possesso palla e nulla più. Al sedicesimo è Aya a complicarsi la vita in area di rigore, Pezzuto indica il dischetto e Burrai non sbaglia. Vantaggio neroverde. A questo punto, finalmente, reagisce l’undici di Ventura. “Spogliarello” di Heurtaux, dagli undici metri ci pensa Di Tacchio al venticinquesimo. Nel finale campani nuovamente pericolosi. Calcio piazzato e spizzata di Giannetti, deviazione decisiva di Di Gregorio ad evitare il sorpasso degli avversari. Parte la ripresa. I padroni di casa provano a rendere ardua la vita alla Salernitana. Gondo e compagnia tengono botta. Tesser cambia. Ventura ancora no. Dalla distanza da registrare il destro di Capezzi (65′). Taccuino povero di emozioni in quel di Trieste. Vediamo cosa accade negli ultimi venti giri di lancette. Perder punti, soprattutto in casa granata, rappresenterebbe un colpo troppo duro da digerire in ottica spareggi promozione. Settantacinquesimo, girata di Giannetti alta non di poco. L’ex Livorno e Cagliari, così come Ventura dalla panchina, reclamano un nuovo rigore. Pezzuto lascia correre. Dall’altra parte tocca a Gavazzi: sospriro di sollievo per Vanucchi con la pedina veneta che perde il contatto con il pallone sul più bello. Ancora dubbi in area di rigore del Pordenone, probabile tocco di spalla di Pobega. Dieci minuti più recupero al termine. Dentro Akpa Akpro. Ma è Semenzato, a giro, a sfiorare il raddoppio. Il pipelet campano compie una prodezza. Spazio anche per Djuric. E’ tempo di provare il tutto per tutto. Ancora Gianetti, l’appuntamento con il gol è nuovamente rinviato. Ultimissime chance. Sponda dell’ex Cesena e Dziczek spara in curva. Triplice fischio.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.