Taste - Sapori mediterranei
Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, undici metri d’infelicità: Chievo avanti (1-0 pt)

Al 45'. Calcio di rigore più che generoso e Giaccherini porta avanti i clivensi. Al "Bentegodi" granata pericolosi solo nel finale

Alfonso Maria Tartarone

CHIEVO-SALERNITANA 1-0

CHIEVO. Semper, Leverbe, Frey, Cesar, Renzetti, Segre, Obi, Garritano, Giaccherini, Meggiorini, Djordjevic. A disp.: Pavoni, Nardi, Vaisanen, Dickmann, Rigione, Esposito, Karamoko, Morsay, Ongenda, Vignato, Ceter, Grubac. All.: Marcolini.
SALERNITANA. Micai, Karo, Migliorini, Jaroszynski, Cicerelli (23′ Lombardi), Akpa Akpro, Dziczek, Maistro, Kiyine, Gondo, Djuric. A disp.: Vannucchi, De Matteis, Aya, Billong, Curcio, Capezzi, Di Tacchio, Giannetti, Jallow. All.: Ventura.
MARCATORE. Giaccherini 28′ su rigore.
ARBITRO. Fourneau di Roma 1.
NOTE. Spettatori: circa 500 provenienti da Salerno; ammoniti: Segre, Akpa Akpro; calci d’angolo: 0-0; minuti di recupero: 2′ pt.

Salernitana, undici metri d’infelicità: Chievo avanti. Calcio di rigore più che generoso e Giaccherini porta avanti i clivensi. Al “Bentegodi” granata pericolosi solo nel finale. IL PRIMO TEMPO. Cinquantacinque secondi, conclusione dalla lunga distanza di Giaccherini. Mira da registrare. L’ex Juve appare decisamente ispirato, ma questa volta la sua conclusione trova una deviazione di troppo e la sfera termina tra le braccia di Micai. Contesa spigolosa e che non decolla. I padroni di casa sembrano maggiormanete inspirati. Granata ancorsa a caccia della prima sortita offensiva. Tredicesimo giro di lancette, veneti ad un passo dal punto dell’uno a zero. Destro al volo di Segre e Djordjevic, a pochi centimetri dalla linea bianca di porta, manca la deviazione vincente. Ancora l’undici di Marcolini a premere il piede sull’acceleratore. Fucilata di Obi, fuori bersaglio. Cambio forzato per Ventura. Sotto la doccia Cicerelli, a causa di un problema fisica, e dentro Lombardi. La Salernitana (25′) finalmente ci prova. Discesa di Kiyine, in versione terzino, palla dalle parti del dischetto e mancino da dimenticare per Gondo. Lancio dalle retrovie, Djordjevic sfugge al controllo di Jaroszynski e crolla una volta entrato in area di rigore. Fourneau opta per la massima punizione e Giaccherini, specialista dai tempi del Cesena, timbra il cartellino. Chievo avanti. Minuti finali. Calcio piazzato, Maistro scodella al centro: Gondo e Djuric, incredibilmente, non indirizzano la sfero in fondo al sacco.

Taste - Sapori mediterranei
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.