Taste - Sapori Mediterranei

Sagre e Mercati, scenario drammatico: si chiede esonero tasse per tutto il 2021

La Fenailp Ambulanti scrive a Conte spiegando le difficoltà del settore: "impossibile onorare impegni e contratti con fornitori e banche"

“Egregio Presidente Conte”, comincia così la lettera inviata al premier Conte dal presidente della Fenailp Ambulanti Sebastiano Coco. “La Federazione degli Ambulanti di “Fiere – Sagre e Mercati” della Fe.NAILP, registra un drammatico scenario per le attività del Settore, ormai ferme da quasi un anno .

E’ impossibile per i nostri Associati, poter onorare gli impegni economici contratti con fornitori e banche, per non parlare poi, delle esigenze con i bisogni quotidiani delle proprie famiglie.

2020 da incubo

Il fatturato del 2020 è pari allo zero ed il Governo in tutti i Decreti emanati per l’emergenza da Covid-19, non ha preso MAI in considerazione la possibilità di ristori per un Settore considerato invisibile. Inoltre, è stata creata una pericolosa discriminante fra Ambulanti Settore Alimentare che anche se con restrizioni hanno potuto prestare il proprio servizio alla comunità e gli Ambulanti del settore non alimentare che sono rimasti fermi al palo.

Per la nostra Categoria, chiediamo da subito:

a) Adeguati aiuti e ristori proporzionati ai danni subiti a seguito della chiusura di Fiere e Mercati;
b) Esonero di Tasse, Contributi e Tributi per tutto il 2021;
c) Sospensione del DURC fino al 2022;
d) Esonero del Canone Unico 2021;
e) Stop alla Lotteria degli Scontrini;
f) Istituzione di un fondo per indennizzi Ambulanti.

“Certo che le nostre legittime istanze, sono da Lei condivise, con la presente, Le chiediamo di adottare urgenti provvedimenti ed eventualmente un tavolo per la discussione e la soluzione immediata dei nostri problemi. La Categoria è allo stremo e siamo fortemente preoccupati che agli effetti devastanti di questa pandemia, si possa affiancare una emergenza sociale di dimensioni imprevedibili”.

 

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.