Assistenza computer salerno e provincia

Rubano auto all’infermiera mentre lavorava all’ospedale di Mercato San Severino

Episodio surreale a Curteri

Derubata dell’auto mentre lavora. E’ accaduto lo scorso fine settimana all’ospedale di Mercato San Severino. Vittima, infatti, è stata un’infermiera del presidio di Curteri che, mentre stava per tornare a casa dopo il turno serale effettuato nella giornata di venerdì, si è vista passare sotto gli occhi la propria Lancia. A portargliela via è stata un paziente, affetto da problemi di cleptomania, identificato poi dai carabinieri di Mercato San Severino che hanno restituito l’utilitaria alla legittima proprietaria.

 A denunciare la vicenda sono le segreterie provinciali di Cgil Fp  Cisl Fp e Uil Gpl provinciali che, oltre a esprimere solidarietà alla lavoratrice del plesso di Mercato San Severino, chiedono al prefetto di Salerno l’istituzione di un Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica per l’azienda ospedaliera “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”. “Come sindacato siamo vicini alla collega per quanto subito”, hanno spiegato Pasquale Addesso, Pietro Antonacchio e Lorenzo Conte, rispettivamente sindacalisti provinciali di Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl. “Ma il caso è emblematico perché testimonia i livelli di sicurezza all’interno dei presidi dell’azienda ospedaliera. Si può rubare un’automobile, portare via un bambino, aggredire medici o infermieri e anche decidere di morire. Tutto questo non può più passare in silenzio, perché è in pericolo la sicurezza di lavoratori e pazienti”.

 Da qui, la richiesta di una riunione specifica al prefetto di Salerno, Francesco Russo, con i sindacati e vertici dell’azienda. “Serve un ragionamento serio sulle strutture di Salerno, Ravello, Cava de’ Tirreni, Mercato San Severino e l’ospedale da Procida. Prima di trovarci davanti a qualcosa di irreparabile, per l’ennesima volta, sarebbe meglio trovare insieme una soluzione condivisa. Non si tratta di essere allarmisti o esagerati. C’è bisogno di risolvere un problema che è sotto gli occhi di tutti ormai”.


“Esprimo solidarietà all’infermiera di Mercato San Severino derubata dell’auto mentre era intenta a lavorare. L’episodio conferma quanto denuncio da tempo: c’è un problema sicurezza nei plessi ospedalieri dell’azienda ospedaliera “Ruggi d’Aragona”. Mi conforta che ad accorgersene siano ora anche i sindacati confederali di Cgil, Cisl e Uil, a cui sin da subito dico di essere disponibile per portare avanti questa battaglia nella richiesta di un incontro specifico sul problema al prefetto di Salerno”.

Così Mario Polichetti, sindacalista della Fials Salerno, interviene sul caso avvenuto lo scorso fine settimana al Curteri di Mercato San Severino.

“Chissà se ora l’amico della Cgil che mi ha chiamato sciacallo farà altrettanto con il segretario generale del comparto della Funzione pubblica che ha chiesto la stessa cosa che, qualche settimana fa, ha auspicato il sottoscritto. Sono d’accordo con i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil quando nelle strutture del “Ruggi” “si può rubare un’automobile, portare via un bambino, aggredire medici o infermieri e anche decidere di morire”. Lo dico da tempo, ma sono stato chiamato sciacallo anche in modo anonimo sui giornali. Ma il passato è passato, adesso spero si possa portare avanti un discorso unitario sul fronte della sicurezza”.

 

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.