No Signal Service

Rossi e Donnarumma suonano la carica: “Vogliamo vincere all’Arechi”

Le parole dell'attaccante: "Mi sbloccherò" e Andrea Rossi: "Grande sorpresa il pubblico al Volpe" in conferenza stampa in vista del match contro il Novara

Alfredo Donnarumma e Andrea Rossi in conferenza stampa pochi minuti fa al Seci Center di Salerno, si sono espressi su diversi temi subito dopo aver concluso la seduta di allenamento in vista del match con il Novara.

“Contro il Novara sarà una partita importantissima. Sicuramente veniamo da un periodo negativo – Ha dichiarato il “30” granata, l’attaccante nativo di Torre Annunziata – daremo il massimo, più del 100 per cento. Spero di sbloccarmi in casa, anche perchè qui è ancora più bello segnare, spero di riuscirci sia io che Coda – ha proseguito Donnarumma – il gol a Bari è stata davvero una liberazione. Quell’abbraccio col mister è indicativo di un rapporto umano che ho con lui, volevo condividere la mia gioia”.

Donnarumma si è espresso anche sulla sua posizione in campo: “Con il mister ho giocato anche come esterno in passato, poi a Teramo e in altre esperienze ho modificato la mia posizione giocando più al centro. Ho recuperato adesso, mi sento bene e lì dove vuole farmi giocare il mister io gioco senza problemi. L’importante è giocare anche perchè come ogni calciatore non mi piace rimanere fuori. Io posso fare di più, ne sono convinto, il tempo c’è per fare bene”.

“Sarà una gara importante, dobbiamo solo ringraziare i tifosi per il sostegno e l’affetto che ci hanno dimostrato durante l’allenamento al Volpe –  Ha detto il terzino sinistro Andrea Rossi – Ora giochiamo in casa davanti al nostro pubblico e daremo il massimo. I tanti infortuni probabilmente non ci hanno permesso di conoscerci sul campo, di trovare giuste intese, anche da questo forse nasce la nostra posizione in classifica, aggiunto a qualche errore individuare ed errori arbitrali che sicuramente ci sono stati”

Rossi si è espresso sulle sue ultime prestazioni: “Non contano i cross che si fanno, ne posso fare anche cinquanta ma poi prendo 5 in pagella. Sicuramente posso fare meglio dal punto di vista difensivo, penso invece che in fase di attacco dipende tutto da come si muove la squadra, è una questione di catene, in questo momento andiamo a sprazzi. Fisamente penso che Franco abbia qualcosa più di me, io forse ho più gamba rispetto a lui. Le critiche per i gol subiti non devono andare solo al reparto arretrato, vinciamo o perdiamo in 11, se riusciamo a difenderci tutti prenderemo sicuramente meno reti”.

 

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.