Taste - Sapori Mediterranei

Rioni collinari, ecco 18 milioni di euro, Di Maio: “Entro settembre progetto esecutivo”

Presentato questa mattina a Palazzo di città il programma straordinario per i rioni collinari di Salerno

Federica D'Ambro

Martedì 4 luglio, si sono concluse le procedure relative all’iter per la valutazione delle proposte ricevute in merito al Bando per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie. A tal proposito, questa mattina, in Sala Giunta a Palazzo di Città, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del programma straordinario per i rioni collinari di Salerno. Hanno partecipato: il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, l’assessore all’Urbanistica e alla Mobilità Mimmo De Maio, l’architetto Marilena Cantisani in qualità di Rup del Programma.

Il programma per il recupero delle periferie prevede un finanziamento di 18 milioni di euro, stanziato dal Consiglio dei Ministri per la riqualificazione urbana e ambientale, la rivitalizzazione socio-culturale e la sicurezza delle aree periferiche.

“Le zone collinari di Salerno saranno riqualificate grazie ad interventi puntuali e specifici – ha dichiarato il Sindaco Napoli – che non saranno soltanto fisici, ma che, grazie anche alla partecipazione delle comunità, saranno anche di rivitalizzazione socio-culturale. Noi non consideriamo queste aree la periferia della città: in una logica policentrica queste zone rappresentano tanti centri urbani. Si porta, così, a compimento un altro importante step di un ripensamento complessivo della città, che mette a confronto da un lato il progetto di ripascimento del litorale e dall’altro l’opera di riqualificazione dei quartieri collinari”.

“E’ un programma che ha richiesto e richiederà tempi serratissimi – ha spiegato l’Assessore De Maio – Entro il 30 settembre dovremo avere la progettazione esecutiva. L’intervento, che riguarderà l’ambito territoriale che parte da Fratte e sale fino ad Ogliara e al Montestella passando per Matierno, muove innanzitutto dalla necessità di rimuovere le strutture post-sisma collocate nell’area archeologica di Fratte e porterà ad una riqualificazione complessiva dell’area collinare cittadina. Hanno partecipato a questo bando progettisti di fama nazionale e internazionale. Siamo fiduciosi che i contenuti di questo programma potranno trovare compimento entro i tempi stabiliti”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.