Pizzeria Betra Salerno

Riconoscimento a Piazza d’Armi: il primo campo da gioco dell’Unione Sportiva Salernitana

LE FOTO - Indicazione sulla segnaletica verticale, questa mattina l'iniziativa dell'associazione culturale 19 giugno 1919

Carmine Raiola

Scoperta questa mattina in via Piazza D’Armi a Torrione, la targa celebrativa, una indicazione su segnaletica verticale, del primo campo di gioco ufficiale della Unione Sportiva Salernitana.
L’ iniziativa organizzata dall’associazione 19 giugno 1919, ha voluto ricordare un luogo storico per la comunità salernitana. Da un quotidiano del lontano 1920 la notizia dell’ inaugurazione con queste parole:

“Esultate o giovani appassionati, o giovani promesse, d’ ora innanzi non andrete raminghi in cerca di un campo per allenarvi, d’ora innanzi il vostro bel campo vi aspetta, e voi tutti, con quella passione che non vi è mai venuta meno, accorrete entusiasti per mettere in grado di poter degnamente portare fuori il nome della nostra bella città”

.

Così il 14 marzo, il campo di Piazza D’Armi venne inaugurato dalla sorella del primo presidente Adalgiso Onesti e dalla partita valevole per la prima giornata del girone di ritorno del campionato di Promozione tra Salernitana e Stabia, quel giorno a parteciparvi furono oltre mille persone che proprio su quel campo videro,dopo pochi mesi, la Salernitana conquistare il suo primo campionato.
Questa mattina per rendere omaggio alla storia granata sono intervenuti l’assessore allo Sport Angelo Caramanno, il consigliere Nico Mazzeo, la Salernitana rappresentata da Salvatore Avallone e Gigi Genovese ed ovviamente molti tifosi che non hanno voluto perdersi questo momento.
Il primo a prendere la parola è stato Nico Mazzeo che ha elogiato l’ associazione per la serie di iniziative meravigliose che vanno dalla mostra delle maglie fino all’esposizione allo stadio Vestuti.
Mazzeo, ha tenuto a sottolineare poi come l’ amministrazione sia vicina ad ogni iniziativa ed alla Salernitana a cui ha augurato una grande stagione.
La parola è poi passata al presidente dell’associazione culturale 19 giugno 1919 Alessandro Nisivoccia il quale ha ringraziato il Comune di Salerno, l’assessore Caramanno, il sindaco, il consigliere Mazzeo e la Salernitana nelle persone di Gigi Genovese e Salvatore Avallone per la vicinanza dimostrata.
Nisivoccia, infine, ha sottolineato come il compito dell’associazione e di queste iniziative sia quello di far capire alle nuove generazioni cosa ha significato la squadra granata nelle epoche precedenti , tutto ripercorrendo la storia e  facendo “scendere” qualche lacrimuccia anche ai più anziani.
Poi è stato il turno di Salvatore Avallone che ha ribadito come questo giorno sia importante poiché  apre le celebrazioni per il centenario. “La Salernitana cercherà di onorare la gloriosa storia di questa casacca che ha dato gioie e soddisfazioni ai propri tifosi”.
Breve ma intenso l’intervento di Gigi Genovese il quale è stato elogiato per il suo attaccamento alla maglia ed alla città, sia dal presidente Nisivoccia sia dall’ assessore Caramanno, l’ex portiere granata ha voluto ribadire come la passione dei salernitani e della provincia faccia innamorare chiunque di questa società.
Genovese, inoltre, ha voluto ringraziare l’associazione 19 giugno 1919 poiché, secondo il preparatore dei portieri granata, è molto importante ricordare i luoghi dove questa passione ha avuto inizio.
A chiudere il giro d’ interventi è stato l’assessore Angelo Caramanno il quale ha voluto sottolineare come oggi sia la festa di ogni salernitano e come questa giornata possa rappresentare l’ inizio di una stagione fantastica, sperando si possa concludere nel miglior modo possibile.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.