Taste - Sapori Mediterranei

Riceve ospiti a casa, trasferito in carcere il boss paganese De Vivo

Il 31enne Andrea De Vivo, del clan camorristico Fezza-D’Auria Petrosino, è stato trasferito nella casa circondariale di Voghera, in Lombardia

Federica D'Ambro

Il 31enne Andrea De Vivo, del clan camorristico Fezza-D’Auria Petrosino, recentemente assolto per il duplice omicidio Aziz-Cascetta nel 2008 e ristretto per anni al 41 bis, torna nuovamente in carcere. De Vivo da circa un mese era sottoposto alla misura dei domiciliari, ma dopo una serie di violazioni, è stato trasferito in carcere.
Come rivelato dal quotidiano Il Mattino, il boss di Pagani, in due circostanze diverse, avrebbe ricevuto persone in casa. Questo passo gli è costato la libertà, trasferendolo nella casa circondariale di Voghera, in Lombardia.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.