Pizzeria Betra Salerno

Il regista mai amato rivede l’Arechi da avversario, il ritorno di Nicola Corrent

Secondo di Pecchia, giocò in granata dopo la retrocessione dalla Serie A: una esperienza poco apprezzata dai tifosi granata

Alle spalle di Pecchia, sulla panchina dell’Hellas, il vice-allenatore degli scaligeri è un volto noto ai tifosi granata. Venne in uno degli anni dove fu più difficile ricominciare, dopo la retrocessione dalla A, Nicola Corrent oggi 36enne e nativo proprio di Verona. Il regista arrivò a Salerno nella prima e vera esperienza importante nella sua carriera dopo l’esordio tra i professionisti in serie cadetta nel Monza. Successivamente poco più di 50 presenze messe in cascina tra coppa e campionato prima di essere ceduto prima al Siena in prestito il secondo anno da gennaio e poi definitivamente al Como nel 2001. Vertice basso del centrocampo, per ereditare il ruolo di Roberto Breda, non è mai entrato nelle grazie della tifoseria granata, con prestazioni modeste e altre disastrose rispetto ai canoni dell’epoca con la maglia della Salernitana. Spesso accusato di essere “troppo lento” per la parte nevralgica del campo, ora ritornerà all’Arechi da avversario in panchina. Altro ex sulla stessa linea, nello staff dell’Hellas come preparatore dei portieri, un salernitano purosangue come Valerio Visconti. Ex estremo difensore di Napoli, Salernitana, Paganese, Palmese  e Potenza, una presenza con la maglia granata in Gallipoli-Salernitana nel girone di ritorno della stagione 2006/2007, gara persa 1-0 con rete di Nigro.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.