Pizzeria Betra Salerno

Quella volta contro Buffon, Thuram e Cannavaro – FOTO

Come su una macchina del tempo: "Uè gamba ad sener.. oh panza ad doleg". Dolce Parma, anche negli insulti..

Marco Rarità

“Uè gamba ad sener.. oh panza ad doleg”. Dolce Parma, anche negli insulti. Parma-Salernitana è soprattutto quel match, quello del 17 ottobre del 1998 quando i crociati erano una delle “sette sorelle” e i granata scendevano in campo così. Era l’ultima gara per Giovanni Tedesco che andrà via, l’esordio al ritorno per Salvatore Fresi, la prima partita in A per Emilio Belmonte. Cinto tra viali alberati si alza il Tardini, con una facciata in stile neoclassico, la prima porta d’entrata dello stadio, quasi una torretta dove spicca la croce blu su sfondo giallo e davanti una sorta di “sagrato”. Particolare, strutturalmente non un grandissimo impianto ma nell’ambiente esterno probabilmente uno dei più belli d’Italia, basti pensare che proprio a due passi esiste ancora lo storico Petitot, una sorta di Casinò di piccole dimensioni, in realtà è stato uno dei primi caffè del nostro paese.

A Parma avevano oramai la “bocca buona”, abituati a risultati d’altro rilievo, non piaceva come giocava la squadra di Malesani, la gara nel primo tempo a reti inviolate terminò tra i fischi del pubblico locale. Eppure, i gialloblu erano così schierati: Buffon, Sartor, Thuram, Cannavaro, Benarrivo, Fuser, Dino Baggio, Boghossian, Veron dietro le punte Crespo e Chiesa. Scusate se è poco. Delio Rossi forse per la prima volta abbandonò il 4-3-3 provando un non meno offensivo 4-4-2. Davanti a Balli c’erano Fresi e e Monaco, terzino adattato Song e sull’altro versante Tosto. Al centro Giovanni Tedesco e Breda, sugli esterni Vannucchi e Marco Rossi, in avanti la coppia inedita Belmonte-Di Vaio.

I granata reggono nei primi 73 minuti, davanti a 21mila spettatori (di questi pensate 18.726 abbonati), poi la qualità dei singoli esce fuori e Chiesa piazza un destro imprendibile per Balli. Dopo meno di 10 minuti arriva il raddoppio di Fuser che defilato spara un fendente sul primo palo da posizione angolata. Triste punteggio per la Salernitana che stava reggendo e forse prese gol nel momento in cui il Parma stava per mollare l’arrembaggio, tant’è..

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.