Pizzeria Betra Salerno

IL PUNTO SULLA B – Il Citta vola, primo punto per il Vicenza al Menti

Il Frosinone si aggiudica il derby con il Latina, il Verona pronto ad affrontare la terza campana di fila: c'è l'Avellino

Enzo Sica

Il punteggio pieno del Cittadella (nove punti) dopo tre gare di campionato (vittoria eccezionale per 5 a 1 in casa della Pro Vercelli) è un segnale importante per la cadetteria. Sì, perché evidenzia, anche se credo non ce ne sia bisogno, come le matricole sulle ali dell’entusiasmo per aver vinto il campionato di Lega Pro si trascinano entusiasmo e successi anche nella categoria superiore. Ed il caso della pattuglia di Venturato, un allenatore poco conosciuto alle grandi platee, sempre in altalena delle categorie inferiori rappresenta il primo caso eclatante della cadetteria.

Perché vedere il Cittadella in testa alla classifica è qualcosa di eccezionale che fa capire, se ce ne fosse bisogno, che i campionati si iniziano anche con illustri sconosciuti che possono fare la differenza. Siamo solo alla terza giornata, d’accordo, ma il caso della squadra veneta, come lo fu lo scorso anno quello del Crotone e due anni fa Carpi e Frosinone rappresenta un grande biglietto da visita per una serie B che acquista grande meriti. Anche perché al secondo posto c’è un’altra matricola, il Benevento che ha battuto il favoritissimo Verona con sette punti. Baroni ha qualità da vendere ed è un tecnico che fa parte della nuova generazione ed ha portato nella città sannita entusiasmo e soprattutto bel gioco. Ed i diecimila e passa del Vigorito sono rimasti estasiati da come la squadra di Pecchia sia stata battuta. Campania non Felix per i veronesi che hanno raccolto un sol punto dopo due trasferte proprio nella nostra Regione e si apprestano, sabato prossimo, ad incontrare la terza campana, l’Avellino.

Insomma ridimensionato per ora il Verona ma avanza con piede veloce sia il Frosinone che il Novara. La squadra di Marino ha battuto il Latina mentre Boscaglia, altro tecnico emergente, ha imbrigliato la Salernitana e con un gol di Faragò dopo appena sette minuti di gioco ha portato a casa i tre punti che vuol dire tanto perché ha mandato in tilt l’impalcatura che Beppe Sannino aveva costruito per tornare imbattuto dal Piola. Ma ricordiamolo ancora che siamo solo alla terza giornata e ci sono ancora ben 39 gare da disputare. Però dobbiamo anche evidenziare la buona tenuta di un’altra matricola, la Spal che ha pareggiato ad Ascoli mentre il Trapani, finalista lo scorso campionato contro il Pescara è tornato con un punto pesante da Avellino. Ed i lupi non riescono a vincere. Solo due pareggi in tre partite. Bottino davvero misero. Anche il Bari fuori casa non ha centrato i tre punti.

Ed il Vicenza, prossimo avversario venerdì sera della Salernitana, ha preso il primo punto stagionale al Menti evidenziando una buona ripresa. Lerda, l’allenatore, ci ha abituati a cambi repentini di rotta. Veneti imballati nelle prime due gare di campionato che stanno uscendo dal tunnel della crisi. E nell’anticipo di venerdì sera cercheranno proprio nella bolgia dell’Arechi contro una arrabbiata Salernitana di dare continuità ai risultati. Ma la Salernitana sarà d’accordo? Crediamo proprio di no visto che i granata proprio da questa prossima gara, di fronte al pubblico amico, sperano di conquistare i primi tre punti del campionato.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.