Taste - Sapori mediterranei

Porti siciliani chiusi per il G7, nuova ondata di sbarchi a Salerno

"E' necessario espandere la rete dell'accoglienza" ha sottolineato il prefetto Salvatore Malfi

Federica D'Ambro

In vista del G7 che si terrà a Taormina i prossimi 26 e 27 maggio, i porti siciliani potrebbero chiudersi e, di conseguenza, i migranti salvati in mare potrebbero arrivare al porto di Salerno. Come rivelato anche dal quotidiano Il Mattino, Salerno potrebbe diventare il secondo porto coinvolto nei salvataggi in mare dopo quello di Reggio Calabria. Una notizia accennata anche dal prefetto Salvatore Malfi.
La macchina dell’accoglienza, quindi, si sta già muovendo per organizzare al meglio i servizi. Infatti, resta allestito l’hub della Croce rossa in via dei Carrari, pronto ad entrare nuovamente in funzione in caso di bisogno. La Caritas ed altre associazioni di volontariato si stanno preparando a raccogliere quanti più possibili beni di prima necessità. L’unica preoccupazione sono le strutture di accoglienza che, attualmente, almeno in provincia di Salerno sembrano essere sature.

“E’ necessario espandere la rete dell’accoglienza coinvolgendo quanti più comuni possibile per evitare di pesare su comunità che si sono messe a disposizione di quest’emergenza internazionale”. Ha sottolineato il prefetto Malfi.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.