Taste - Sapori mediterranei

Picchiarono a sangue 50enne a Ciorani, arrestati 4 rumeni: era una trappola delle “escort”

Rapinato e poi aggredito, fermati dai Carabinieri due uomini e due donne, tutti di nazionalità rumena

Sono stati fermati, dai carabinieri della compagnia di Mercato San Severino, i responsabili della violenta aggressione effettuata a un uomo di 50 anni di Nocera Inferiore circa 7 giorni fa dinanzi un noto albergo a Ciorani. Quattro persone, tutti di nazionalità rumena, due uomini e due donne tra i 25 e i 33 anni, arrestati presso le proprie abitazioni situate tra Mercato San Severino e Baronissi, dovranno rispondere di tentato omicidio e rapina. La vittima di questa aggressione si trova tutt’ora ricoverato in prognosi riservata in gravissime condizioni presso il San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona in quanto ha riportato profonde ferite in tutto il corpo e un violento trauma cranico. Secondo le indagini degli inquirenti, la rapina è stata architettata mettendo in atto una trappola.

L’uomo, infatti, conosceva una delle due donne, la quale poi l’avrebbe messa in contatto con una sua amica con la promessa di fargli trascorrere alcune ore di divertimento a pagamento. Le donne, presumibilmente, erano anche a conoscenza della buona disponibilità economica di cui godeva la loro vittima, così gli avrebbero consigliato di presentarsi all’appuntamento con assegni, contanti e qualche regalo. In questo modo, la finta escort avrebbe attirato la sua preda in una casa di Bracigliano, dove, ad attenderli c’erano i due complici, fidanzati delle due rumene, che lo aspettavano per rapinarlo. Una volta rimasti soli, la donna avrebbe bloccato la porta d’ingresso dell’abitazione, e in quel momento sarebbero sbucati i due che hanno iniziato a picchiare selvaggiamente la vittima. L’aggressione è stata talmente violenta che a un certo punto il cinquantenne di Nocera ha perso i sensi rimanendo disteso a terra in una pozza di sangue. I malviventi, dopo aver rubato il bottino consistente in assegni, contanti e alcuni preziosi, convinti che l’uomo fosse deceduto, hanno avvolto il suo corpo in una coperta e lo hanno caricato su una vettura per portarlo lontano dal luogo del crimine. Scendendo da Bracigliano si sono fermati lungo una strada di campagna, in località Ciorani, dove hanno abbandonato il corpo della vittima lungo il ciglio della strada. Determinanti, per le indagini, le telecamere di videosorveglianza dell’albergo, così gli inquirenti sono riusciti a risalire agli aggressori.

 

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.