Assistenza computer salerno e provincia

Omicidio a Santa Cecilia: fermato il colpevole, ha confessato durante l’interrogatorio

Bloccato connazionale dell'indiano trovato ucciso ieri in una azienda agricola

Nel tardo pomeriggio di ieri il nucleo investigativo dei Carabinieri di Salerno e della compagnia di Eboli hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura, nei confronti di un cittadino indiano, ritenuto responsabile dell’omicidio di un suo connazionale, verificatosi in un allevamento di bufali da latte a Santa Cecilia di Eboli, in via Provinciale dei Salici.

La tempestiva attività d’indagine, svolta nell’immediatezza dell’omicidio e coordinata dalla locale Procura, ha consentito immediatamente di ricostruire la dinamica e individuare l’autore, in particolare è stato accertato che a seguito di un litigio l’indagato si è scagliato con forza inaudita contro la vittima nei cui confronti infliggeva numerose coltellate di cui una mortale alla gola.

L’indagato, subito dopo il fermo, sottoposto ad interrogatorio dal Pubblico Ministero, ammetteva le proprie responsabilità ed indicava il luogo dove aveva nascosto l’arma. Le successive ricerche grazie alla squadra Sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Salerno, un coltello da cucina con una lama lunga 21 centimetri, trovata sul fondale di un laghetto artificiale, vicino l’azienda dove si è consumato l’omicidio.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.