Taste - Sapori Mediterranei

Oltre 13mila mq di rifiuti sotto il pavimento di piazza della Libertà: il processo continua

Chieste sanzioni pecuniarie e pene ai nove imputati tra tecnici, dirigenti comunali e imprese fino a 24 mesi

Smaltivano illecitamente i rifiuti nel cantiere di piazza della Libertà, sta andando avanti il processo a carico di imprenditori e tecnici accusati di reati ambientali. Come si legge sul quotidiano Il Mattino, oggi in edicola, sono stati chiesti 13 anni a 4 mesi di reclusione e diverse sanzioni pecuniarie, dai 103mila euro circa per la Esa Costruzioni Generali Srl ai 80mila euro per la Me.Ca Srl. Ma per i capi di imputazione il pm ha chiesto di non dover procedere per via delle prescrizione. Ma ci sono altri nove imputati per i quali il pubblico ministero ha chiesto condanne da uno a due anni di reclusione. Secondo l’accusa sotto il pavimento della piazza ci sarebbero circa tremila metriquadri di rifiuti speciali non pericolosi, ovvero materiali provenienti dalla demolizione dell’ex pastificio Amato, usati per riempire il cantiere.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.