Assistenza computer salerno e provincia

Casa di cura La Quiete, occupata dai dipendenti

Il sindaco di Pellezzano scrive al Prefetto

Federica D'Ambro

Nuova protesta dei dipendenti de La Quiete, il mancato pagamento degli stipendi li ha spinti a mettere in atto una nuova occupazione. Il sindaco di Pellezzano, Giuseppe Pisapia, ha dunque scritto una lettera urgente indirizzata al Prefetto di Salerno per metterlo al corrente della preoccupante situazione economica de La Quiete e del Cedisa.
Il primo cittadino chiede che si adottino azioni utili per chiudere le vertenze. Entrambe le strutture, infatti, vivono un momento di grande difficoltà.
“Non solo sta venendo sempre meno la certezza del mantenimento del posto di lavoro – dichiara Pisapia – ma da circa undici mesi, nonostante continuino, a garantire la loro presenza al lavoro, i dipendenti non si vedono corrisposte le giuste retribuzioni. Solo nella comunità di Pellezzano, sono diverse le famiglie che hanno al loro interno congiunti che lavorano in queste aziende e spesso si tratta di realtà monoreddito, che da tempo, in assenza di interventi adeguati e determinati, si trovano senza risorse per portare avanti la normale vita familiare. Come sindaco ho già ricevuto più volte il grido di aiuto di questi cittadini, che non può continuare a rimanere senza risposta.”
Il sindaco aggiunge: “Già in passato la stessa struttura è stata occupata dai dipendenti, creando di fatto, problemi di ordine pubblico e di sicurezza, con difficoltà nella gestione dell’assistenza agli utenti attualmente ricoverati. Si chiede che vengano fatte, con la dovuta urgenza, tutte le azioni utili ad accelerare la definizione della vertenza tra lavoratori e proprietà, affinché la stessa tenga fede agli impegni presi per la corresponsione delle retribuzioni”.
L’auspicio del sindaco è che le esigenze dei lavoratori e dei cittadini trovino il prima possibile una risposta adeguata.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.