Taste - Sapori Mediterranei

Nuovo punto d’imbarco e approdo, domani la presentazione al Masuccio Salernitano

Il porto turistico come specchio e risorsa della città, non solo un ponte che proietta al mare, al viaggio. Il porto come punto d’incontro, come vetrina, come un vero e proprio punto di accoglienza, quasi come un salottino a cielo aperto sull’incanto del mare e che spalanca gli occhi sulla Divina Costiera, nel cuore di Salerno.

Il porto turistico come specchio e risorsa della città, non solo un ponte che proietta al mare, al viaggio. Il porto come punto d’incontro, come vetrina, come un vero e proprio punto di accoglienza, quasi come un salottino a cielo aperto sull’incanto del mare e che spalanca gli occhi sulla Divina Costiera, nel cuore di Salerno.

È il Masuccio Salernitano, è il nuovo punto d’imbarco e approdo frutto di un lavoro di restyling accurato che sarà svelato venerdì 9 luglio alle ore 10.00 in una cerimonia alla quale parteciperanno il sindaco Vincenzo Napoli, il vice sindaco Mimmo De Maio, Andrea Annunziata, presidente dell’Autorità di Sistema portuale Mar Tirreno Centrale e il Comandante del Porto di Salerno C.V. (CP) Daniele Di Guardo.

A far gli onori di casa, a presentare la nuova, rinnovata e accogliente casa, la società “Salerno Gestioni Portuali srl” concessionaria del punto Masuccio a piazza della Concordia. La nuova offerta, il progetto, le strategie e il futuro saranno illustrati dal presidente Giuseppe Stanzione e dal consulente della società, l’avvocato Orazio De Nigris che è anche l’amministratore delegato di Salerno Stazione Marittima. Masuccio Salernitano. Non più solo la biglietteria, non più solo uno spiazzale disadorno e privo di servizi per il turista, in attesa dell’imbarco sui traghetti diretti verso la Costiera Amalfitana. Non più file sotto il sole cocente, in piedi e senza possibilità di trovare servizi efficienti.

E così, accanto ai servizi di biglietteria, al punto d’informazione e ai servizi igienici totalmente rinnovati e in strutture adeguate, il Masuccio Salernitano diventa una sorta di porto-boutique.

Il turista troverà negozi – souvenir, oggettistica, artigianato, telefonia, bar e punto ristoro – e troverà il modo di ingannare l’attesa per l’imbarco accomodandosi sedendosi intorno ad alcuni tavolini oppure su panchine decorate che affacciano sul mare. Sono le “panchine d’artista”, tutte prodotte con materiale riciclato, splendidamente e coloratamente rifinite da una serie di artisti grazie al progetto e all’opera della associazione “Art Experience” (curatori Anna De Rosa e Angelo Lazzano), e grazie anche alla sensibilità artistica di alcune scolaresche impegnate nel progetto.

Tutta la zona è coperta da teloni che consentiranno ai turisti di trovare riparo alle condizioni climatiche più estreme. La crisi come risorsa, come punto di svolta, di rinnovamento. È così che la “Salerno Gestioni Portuali srl” rilancia con forza il progetto di Salerno città turistica, candidandosi come crocevia strategico per la città e l’intera provincia.

Sono tredici le corse giornaliere dei traghetti (le società sono Travelmar, Alicost e Sant’Andrea srl, i tre armatori detengono il 45% delle quote societarie) verso la Costiera facendo scala a Cetara, Minori, Maiori, Amalfi e Positano, due (ore 7.30 e 8) verso Capri. L’attività è cominciata a giugno e terminerà il 31 ottobre.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.