Taste - Sapori Mediterranei

Neurochirurgia si rivoluziona al Ruggi: progetto ambizioso per diventare eccellenza nazionale

Previsti lavori sull'ala dell'ospedale, saranno create due nuove sale operatorie

L’azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona punta su neurochirugia, la direzione è di far toccare al reparto livelli di eccellenza nazionale. Come si legge sul quotidiano Il Mattino, infatti, partiranno a stretto giro i lavori per risistemare l’ala dell’ospedale che si affianca a quella universitaria guidata dal prof Iaconetta. Saranno create due sale operatorie nuove dedicate all’unità di terapia intensiva e post operatoria proprio per neurochirurgia, diretta dal nuovo primario al Ruggi Giuseppe Catapano. Lavori e un progetto che difficilmente termineranno in tempi brevi ma il progetto messo in piedi al Ruggi è davvero ambizioso puntando, come ha rivelato Catapano a Il Mattino a un “target di pazienti con patologie elettive, che normalmente si recano fuori regione. L’idea è di realizzare un progetto per bloccarli e dare loro la possibilità di curarsi a casa loro. L’idea è di realizzare un progetto che, oltre all’assistenza ai pazienti ad altissimo livello, tenga conto sia della sperimentazione che dell’addestramento di giovani chirurghi, per creare una simbiosi con l’Università di Salerno e le facoltà di altre province e regioni”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.