“Sfilata vergognosa”

“Lo sfruttamento del piccolo pony per la parata” le parole di Pasquale Petrosino

Pasquale Petrosino

4D6300D8-F5A4-4FAA-9D63-A92A895965AC


L’opinione di Pasquale Petrosino

Una sfilata vergognosa quella che si è presentata in città ieri sul tardo pomeriggio. Ad aprire il corteo esponenti della croce rossa in bicicletta seguite da vetture di vigili urbani in servizio, al centro della sfilata un vergognoso carretto con seduta una sedicente befana in carne ed ossa trainata letteralmente da un piccolissimo pony nero.

L’altezza del pony è verosimilmente quasi uguale a quella di un cane labrador. A seguito cavalli con trecce con sopra re magi. Una parata ignobile che evidenzia lo sfruttamento ed il maltrattamento del piccolo animale che con fatica traina per le vie della città la befana. Una Salerno che si allontana sempre di più dal suo volto di città europea.

Un passante infastidito ha richiesto spiegazioni ad una vigilessa ,che con superficialità ha risposto: “il carico tanto è leggero…il parroco ha organizzato”. Il gesto incivile ancor di più di chi avendo in custodia l’animale ha permesso un tale sfruttamento. Subito la foto del piccolo pony “express” viene postata sui social richiamando l’attenzione delle associazioni animaliste nonché anche di qualche assessore del palazzo di città che ha subito confermato la volontà di ammonire la vigilessa, con gli altri vigili presenti, nonché gli organizzatori ed i proprietari dell’animale, essendo presente una delibera comunale che vieta anche solo l’esposizione al pubblico di certi animali. Un grande segno di inciviltà ancora una volta ci viene offerto, come a sancire una certa anarchia che ormai regna in città.

Sfruttamento di animali, sporcizia, degrado sono il contorno di una Salerno che stagna e rimane ancorata alla voglia di non progredire. Un piccolo pony che è stato costretto a trainare il peso di un carretto con una persona per tutta la città.

Un atto che deve essere assolutamente ammonito. Una vergognosa befana quella appena passata. Più civiltà e rispetto verso i nostri amici animali.

Commenti

I commenti sono disabilitati.