Taste - Sapori Mediterranei

Mistero sull’omicidio Vassallo, c’è la svolta: tre uomini indagati

Tre cilentani o napoletani legati ai clan di Scampia? Stretto riserbo sugli uomini ma il movente è legato a un "messaggio" lasciato dal sindaco pescatore

A distanza di sei anni dalla morte di Angelo Vassallo la Procura di Salerno ha iscritto altre 3 persone nel registro degli indagati, accusati di omicidio aggravato dalle finalità mafiose. Tre persone, avrebbero agito in concorso tra di loro e con quello che per anni è stato l’unico indagato Bruno Humberto Damiani. L’ipotesi degli inquirenti attualmente è soltanto una, lo spaccio di droga, anche per questo c’è stretto riserbo sui nomi degli indagati, si dice che possano essere tre uomini napoletani legati ai clan di Scampia, altre ipotesi invece su cittadini cilentani. Che l’uccisione di Angelo Vassallo sia legata allo spaccio è una pista mai abbandonata dall’Antimafia, ora Damiani verrà nuovamente ascoltato dagli inquirenti e quel messaggio, quella traccia lasciata dal sindaco pescatore prima di essere ucciso: “Ho scoperto una cosa che non avrei mai voluto scoprire” è un indizio importante su cui gli investigatori stanno lavorando e in quel messaggio probabilmente si nasconde la verità e gli assassini di Angelo Vassallo.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.