Pizzeria Betra Salerno

Metronomo silenzioso e indispensabile, Di Tacchio sorprende

Ancora una volta il il numero 14 è stato tra i migliori in campo

Luca Viscido

Non doveva essere titolare ieri Francesco Di Tacchio per via del turn-over operato da mister Colantuono, ma l’esclusione dall’elenco dei convocati di Akpa Apro ha di fatto cambiato le idee del mister di Anzio e così l’ex Pisa e Avellino ha stretto i denti e come al solito dall’inizio di stagione a questa parte ha fornito un’ottima prestazione risultando tra i migliori in campo. Attento preciso e cattivo quando serve Di Tacchio ha fornito un’altra prestazione di altissimo livello risultando  un calciatore a cui mister Colantuono non può proprio rinunciare. Bravissimo soprattutto a non farsi ammonire e rimanere freddo nei momenti cruciali del match, poichè un’eventuale cartellino giallo gli avrebbe precluso la partecipazione alla trasferta in terra lagunare. Abile nell’impostare, dinamico quando c’è da difendere, un ottimo saltatore quando c’è da contrastare un calciatore avversario sulle palle aree. E pure era arrivato a Salerno nello scetticismo generale sia per via dei suoi trascorsi con la maglia biancoverde sia per la sua fama di calciatore non qualitativamente dotato. Ma non è assolutamente così il numero quattordici ha saputo abbinare benissimo le due fasi facendo rendere la squadra al meglio sia difensivamente che offensivamente, tenendo corti e stretti i reparti. Una piacevole riconferma quella del calciatore nativo di Trani che anche nella difficile trasferta lagunare sarà titolare indiscusso per cercare di portare la Salernitana ad ottenere  il primo exploit esterno di questa stagione.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.