Taste - Sapori Mediterranei

Mercato San Severino, nuova ordinanza: nel cimitero di Costa vietati fiori freschi

Dal 1 luglio al 31 agosto solo fiori e piante artificiali, su richiesta dell'Asl: "per motivi igienico-sanitari e a tutela della salute pubblica"

E’ l’ultima ordinanza del sindaco Giovanni Romano prima delle dimissioni, effettuata il 15 giugno con il divieto di introdurre piante e fuori freschi nel cimitero di Costa, la frazione di Mercato San Severino.

Nella disposizione si legge che “anche se è tradizione e segno di affetto verso i propri defunti deporre fiori freschi sulle tombe del civico cimitero. Con l’approssimarsi della stagione estiva, a causa delle alte temperature, i fiori freschi appassiscono e si decompongono rapidamente, provocando odori maleodoranti a causa del ristagno dell’acqua con pericolo di infezioni che potrebbero nuocere gravemente alla salute pubblica”.

Così Il distretto di Mercato San Severino dell’Asl ha segnalato l’opportunità, per motivi igienici-sanitari e a tutela della salute pubblica, di sospendere l’addobbo dei loculi, delle tombe e delle cappelle gentilizie, con fiori freschi che, come si legge nell’ordinanza: “decomponendosi rapidamente, danno luogo ad olezzi nauseabondi”.

Così il sindaco ha disposto la sospensione della deposizione di fiori freschi sulle tombe limitatamente al periodo estivo dal 1 luglio al 31 agosto. Consentendo in questo stesso periodo l’impiego di fiori e piante artificiali,

Nell’ordinanza c’è anche il divieto di introdurre corone di fiori, cuscini e addobbi floreali.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.