Pizzeria Betra Salerno

Menichini-Fabiani, braccio di ferro all’orizzonte

Fissata a caro prezzo la risoluzione del contratto. Il silenzio di Lotito

Roberta Sironi

Da una parta Fabiani, che lo ha praticamente scaricato, dall’altra il silenzio di Lotito. Nel mezzo Menichini, che dalla Toscana attende paziente di conoscere il suo futuro. Forte del vincolo contrattuale che lo lega ancora alla società granata, il tecnico che ha traghettato la Salernitana in serie B sembra non fare caso alle dichiarazioni poco lusinghiere del direttore sportivo. Menichini aspetta infatti di essere convocato dal patron per fare chiarezza sui prossimi programmi tecnici. Il silenzio di Lotito apre la porta a varie interpretazioni. Sono sicuramente giorni interlocutori per i massimi vertici della società granata, alle prese con la delicata programmazione del prossimo campionato cadetto. Di certo, prima di prendere una decisione definitiva sul futuro tecnico, Lotito ed i suoi più stretti collaboratori rifletteranno su tanti aspetti. Chi sembra avere più fretta è invece Fabiani, che non ha perso tempo a scaricare il trainer toscano. Sulla lista del ds figurano i nomi di diversi allenatori già contattati a fari spenti. Qualsiasi operazione dovrà però essere avallata da Lotito e non a caso l’intero entourage granata attende con trepidazione che il patron rompa il silenzio. Per quanto riguarda Menichini, sembra che non accetti una semplice buonuscita in caso di risoluzione contrattuale. Se proprio deve lasciare, il tecnico toscano desidera che la società adempia completamente agli oneri economici previsti dal contratto. In pratica, Menichini dovrebbe percepire una somma che si aggira intorno ai 120 mila euro. Non poco per una società come la Salernitana che nonostante il salto di categoria non vuole perdere di vista il bilancio. Ed allora questo cavillo potrebbe condizionare e non poco la scelta della dirigenza in merito al futuro tecnico.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.