Impresa di Pulizia a Salerno

Maiori, l’inaugurazione del presepe dipinto a Palazzo Mezzacapo

Nel cortile di Palazzo Mezzacapo a Maiori, dall’8 dicembre al 10 gennaio, sarà possibile visitare il presepe dipinto di Giacomo Palladino.

Categoria Tempo Libero
Nel cortile di Palazzo Mezzacapo a Maiori, dall’8 dicembre al 10 gennaio, sarà possibile visitare il presepe dipinto di Giacomo Palladino.

Il presepe

Un Vangelo della Natività, Citazioni da Natività, Adorazioni dal ‘300 all’800 tra gli archi del palazzo di città. Il presepe di Palladino si distingue per essere una sorta di compendio creativo di tante natività di cui è ricca la storia dell’arte internazionale. Non una rappresentazione qualsiasi, bensì un presepe dipinto.

La creazione

La creazione artistica di Palladino fatta di sagome dipinte interamente reinterpretate dall’artista e che citano apertamente opere che vanno dal ‘300 all’800. Il grande Mistero della Natività rivive nel presepe di Giacomo Palladino attraverso forme e colori che consentono di ripercorrere le grandi suggestioni della storia dell’arte scrive Luigi Buonocore, Direttore del museo del Duomo di Ravello.

“Un racconto che spazia dalle preziosità fiabesche del gotico internazionale al colorismo veneto, passando per il sapiente disegno della tradizione toscana. Una sintesi perfetta di idea e realtà, capace di attingere, nello stesso tempo, al repertorio sempre vario dell’attualità. Un messaggio dell’arte che canta la Fede, dono sublime che annuncia al mondo la lieta novella. Regaliamoci un momento in cui contemplare il Bambino Gesù. In cui riviere i luoghi di immaginario il cui progetto divino si realizza in pienezza: la vita splende in un uomo, nell’unione della natura umana e della natura divina attraverso la persona del Figlio”.

385798f72a6425c969459e173435b376979050a780cfb6422a43c52e7405bf42

“Una esperienza multidirezionale”

“Il presepe dipinto di Giacomo Palladino è un viaggio ed un’esperienza multidirezionale: nella meravigliosa galleria della storia dell’arte sacra, ritrovandovi capolavori accostati e ricomposti con singolare ed eccezionale originalità; nella pienezza dei tempi (Gal 4,4), scoprendovi gli episodi della storia della salvezza, eterni ma storici; nel misterioso spazio interiore personale, dove, mentre si attraversa lo spazio fisico del presepe, può accadere di essere sottratti al Krònos e condotti alla contemplazione, può sopraggiungere il Kairòs dell’incontro gioioso con l’altro”. (sac.arch. Pasquale Imperati – Ufficio Diocesano Beni Culturali Ecclesiastici).

Impresa di Pulizia a Salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.