Taste - Sapori mediterranei

Luci d’Artista nella zona orientale: “Sono tornate le cafonate”

Dante Santoro attacca: "Un danno d’immagine per il quartiere, per gli esercenti e per i cittadini. Ci sono zone di serie B o peggio ancora inesistenti per l’amministrazione comunale".

WhatsApp Image 2019-12-04 at 14.20.54
Il consigliere comunale Dante Santoro si pronuncia sulle tanto chiacchierate Luci d’ Artista installate nella Zona Orientale di Salerno, in particolare a Pastena e Mercatello. Il consigliere Santoro sul tema ha raccolto il malcontento di residenti ed esercenti ed ha rilanciato:

“Sono tornate le cafonate di Pastena e della Zona Orientale che ci vogliono spacciare per luci d’artista. Un danno d’immagine per il quartiere, per gli esercenti e per i cittadini. Ci sono zone di serie B o peggio ancora inesistenti per l’amministrazione comunale – poi ricorda la sua proposta portata da anni all’attenzione del Consiglio Comunale – Continuo a dire che dovremmo fare le luci Made in Salerno, con artigiani e professionisti salernitani, creando una filiera dell’artigianato da esportare in tutt’Italia con migliaia di nuovi posti di lavoro. A qualcuno forse è convenuto elargire 50milioni di euro ad un’unica società in questo decennio, piuttosto che creare un indotto economico produttivo per tanti. Peccato che sono soldi pubblici dei salernitani… Ho chiesto la sostituzione urgente, le faremo produrre a qualche vero artista salernitano. Inoltre ho chiesto l’installazione delle Luminarie anche in Piazza Caduti di Brescia a Pastena, dove si contano giorni di grave ritardo rispetto ad altre zone della città, ho chiesto che venissero installate opere di diverso tenore e gusto… Quantomeno che evitino un’ulteriore debacle per gli esercenti della zona, penalizzati dall’assenza di reali attrazioni”.

Il vulcanico consigliere tocca un tema che è molto sentito dai salernitani della Zona Orientale, ora sono attese le repliche dell’amministrazione e degli interessati.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.