Taste - Sapori Mediterranei

Luca Gentile torna nella casa delle Fornelle, sarà ripetuta la scena l’omicidio

Esperimento giudiziario, un "replay", chiesto dagli inquirenti per constatare quanto dichiara il giovane accusato di aver ucciso il suocero Eugenio Tura De Marco

Dopo un interrogatorio di circa 3 ore Luca Gentile, il giovane accusato di aver ucciso il suocero Eugenio Tura De Marco accoltellandolo nella sua abitazione nelle Fornelle, sosterrà la prossima settimana un vero e proprio test pratico. Ovvero, come ha rivelato il quotidiano il Mattino, oggi in edicola, in carcere con lo psichiatra Crisci si è tenuto un esperimento, una sorta di replay e messa in scena dell’omicidio. Un test che dopo le contestazioni dei legali che difendono il giovane sarà ripetuto tra circa 7 giorni proprio nell’abitazione dove è avvenuto tutto. All’esperimento potrebbe essere presente anche la figlia di Eugenio Tura De Marco, Daniela, la fidanzata di Luca Gentile. Anche la giovane attualmente è indagata per concorso in omicidio.

L’esperimento in casa servirà agli inquirenti per capire se le dichiarazioni di Gentile corrispondono a quanto accaduto, anche perchè sono diverse le contraddizioni nei suoi racconti, molti offuscati da tanti “non ricordo”. Il fidanzato di Daniela ha raccontato di aver ricevuto minacce dal suocero in diverse occasioni, però quella sera dell’omicidio ha detto che Eugenio Tura De Marco gli ha offerto di bere un bicchiere di vino insieme. Lo stesso pm Elena Guarino ha contestato questa versione, come ha ricordato il Mattino, facendo notare come possa sembrare strano che dopo le minacce ci sia un gesto di tale cortesia.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.