Le scelte, le bandiere, i tifosi e un calcio che scoppia

Rubrica aSalerno Opinioni | di Marco Montefusco

FEB46CC4-D268-4EA7-9AD4-B5B2A5A2C70F
banner asalerno opinioni

di Marco Montefusco

Ognuno di noi avrebbe voluto un De Rossi, un Del Piero, un Maldini: un riferimento, un capitano, un ideale insomma.
Eppure capita che una società sportiva faccia altre scelte, che lo rinneghi, che lo pensioni senza il suo consenso o addirittura senza pre-avviso.
15/20/25 anni di fedeltà? “Vai a casa!”.
Dalle mie parti si dice: “con una mano avanti e una mano indietro”.
Nel frattempo, però, tu giocatore hai rinunciato a maglie più importanti, a soldi e benefit vari, per te e per la tua famiglia. Eppure hai deciso di restare, non sei andato via, avevi nella tua mente un’idea di bandiera e un profondo rispetto per i tifosi di quel colore o di quella città.
Maldini, Del Piero, De rossi, sono solo alcuni nomi, illustri, che hanno scelto i valori del calcio, ma io aggiungerei della vita.
Tuttavia il tifoso è egoista, si sa, ama solo la sua squadra quindi: “tutti a casa!”; “non servi più”; “hai fatto il tuo tempo”; “conta solo la maglia”; “vogliamo il bene della squadra”.
Ma squadra, città, identità, sono famiglia. Non conta se si va in campo o in sala stampa, in viaggio all’estero per marketing o a scoprire nuovi talenti.
Le bandiere meritano rispetto, a prescindere dal colore della
maglia o dai risultati. Quello che va riconosciuto è la forza di chi crede fortemente in certi valori. Anche se solo per egoismo, per rinviare il trauma del distacco, in qualsiasi caso, se anche fosse nell’ultimo periodo della sua onoratissima carriera, lo accetterei per il semplice fatto che non c’è gioia senza dolore.
Che gioia immensa è una bandiera: un lusso che in pochi oggi, purtroppo, possono avere il piacere di vantare.
Non lamentatevi se il calcio moderno non vi piace: avete taciuto davanti a questo schiaffo.
La vera vergogna di questo sport non sono le società sportive che pensano solo al fatturato, ma voi che, solo per vincere, lo permettete.
Pensateci, avete già perso!

#iostoconderossi

Commenti

I commenti sono disabilitati.