Taste - Sapori Mediterranei

LE FOTO-La rivolta degli studenti salernitani contro la “Buona Scuola”

Circa 200 studenti salernitani hanno attraversato le vie del centro per protestare contro la riforma del Governo Renzi

Federica D'Ambro

Circa 200 studenti salernitani hanno attraversato le vie del centro cittadino questa mattina per protestare contro la riforma “Buona Scuola” del Governo Renzi. La motivazione che spinge insegnanti e studenti a protestare è la considerazione di tale riforma come un durissimo attacco contro la scuola pubblica. Sostengo che i fondi statali per le scuole vengano tagliati e con questo anche i posti degli insegnanti. In questo modo, la scuola pubblica viene aperta agli investimenti privati, permettendo ai benefattori privati di avere potere decisionale all’interno degli istituti e di aggravare il divario tra scuole di serie A e di serie B. La riforma, di fatto, prevede circa 60milioni l’anno di rimorsi per chi manda i figli nelle scuole private, mentre gli edifici scolastici sono lasciati in condizioni disastrose. Contrari gli studenti anche alla mentalità che la riforma, per loro, vuole adottare, ossia abituare un giovane ad una vita da precario, aumentando le ore di stage gratuito a 400 negli istituti professionali e 200 nei licei.
Questa mattina un gruppo di studenti è sceso per le strade del centro cittadino in difesa della scuola pubblica, in solidarietà con lo sciopero degli insegnanti e del personale del 13 dicembre. Scopo principale è quello di invogliare un gran numero di studenti per riconquistare il loro diritto allo studio, al lavoro e a un’istruzione pubblica di qualità.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.