Lazio e Salernitana senza difesa: Lotito corre ai ripari

Pioli ha perso l'olandese De Vrji, Torrente da tempo è privo di diversi centrali ed il patron torna sul mercato

Nicola Roberto

Mal comune non è mezzo gaudio. Specie se il patron è lo stesso ed i tanti tiri mancini della sorte lo costringono a mettere mano alla tasca su entrambi i fronti. Salernitana e Lazio si ritrovano con le rispettive difese decimate e Claudio Lotito ha già capito l’antifona: il mercato è l’unica risposta possibile.
Il patron è già intervenuto per tamponare l’emergenza in casa granata, regalando a Torrente un difensore centrale sano, ma a corto di condizione, come Bernardini, elemento di buonissimo livello per la serie B che dovrà fare in fretta a trovare la forma migliore viste le assenze di Schiavi, Trevisan, Tuia e Lanzaro. Non sarà l’unico intervento nel reparto arretrato. Bernardini ora, ma a gennaio almeno un altro rattoppo per blindare le corsie laterali appare indispensabile, lasciando per il momento in sospeso la questione portiere.
Da settimane anche la difesa della Lazio era in emergenza ed ieri il patron ha ricevuto la notizia più temuta. L’olandese De Vrji è stato operato al ginocchio e non rientrerà prima della fine della stagione in corso. Subito Lotito e Tare sono tornati alla carica per Vlaar, altro olandese che già in estate la Lazio aveva contattato.
Insomma, a Roma come a Salerno il ritornello è lo stesso. Difese a pezzi, allenatori a corto di uomini, mercato necessariamente riaperto. Chi l’ha detto che le multiproprietà portino solo vantaggi ed onori?

Commenti

I commenti sono disabilitati.