Taste - Sapori mediterranei

Lascia il marito violento, lui nega il diritto allo studio ai due figli minorenni

Una donna, dopo 15 anni di violenze, è riuscita a scappare dal marito insieme ai suoi figli, adesso l'uomo nega il nulla osta dalla scuola di origine

Federica D'Ambro

Dopo circa 15 anni una donna è riuscita a parlare e, a scappare, da un marito violento, repressivo e aggressivo. La storia raccontata dalla donna, in anonimato, sul quotidiano Il Mattino, nonostante abbia una fuga riuscita non ha un bel lieto fino. Di fatti, al momento, chi sta risentendo di questa “liberazione” sono i due figli, rispettivamente di 8 e 11 anni, ai quali il padre sta negando uno dei diritti fondamentali, quello dello studio.
Attualmente i bambini sono un tramite, sono l’unica cosa che lega marito e moglie, e l’uomo li sta usando per minacciare la donna. In attesa che il Tribunale dei minori si pronunci.

“Avevo paura. Non avevamo neppure da mangiare. Una volta mi ha chiuso nello stanzino per picchiarmi.- questo il racconto della donna- Mi controllava. Non potevo parlare con nessuno. Le maestre a scuola si erano accorte che c’erano problemi e mi aiutavano. I soldi che i miei genitori mi davano li usava tutti lui,io non potevo toccarli. Uscivo solo per andare a prendere i bimbi a scuola”.

Una donna che, lo scorso giugno, è riuscita a scappare da San Marco, in provincia di Caserta, per tornare nella casa dei genitori a Battipaglia. L’avvocato della donna ha tentato una mediazione con il padre dei bambini, perchè acconsentisse al rilascio del nulla osta dalla scuola di Caserta. Secondo la legge, il rilascio del nulla osta prevede il consenso di entrambi i genitori. Infatti, il padre, ha costretto il dirigente della scuola casertana a far negare l’iscrizione.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.