Taste - Sapori mediterranei

Largo Barbuti non è più tutta area pubblica, Comune perde causa con una famiglia salernitana

Un contenzioso aperto dal 1972, ora la sentenza del Tribunale di Salerno: 100 metri quadrati nel Largo Barbuti appartengono alla famiglia Tarcinale

Il Comune di Salerno ha perso la causa con una famiglia salernitana, originaria di Eboli, la famiglia Tarcinale, un contenzioso riguardante Largo Barbuti, nel centro storico di Salerno. Come ha rivelato il quotidiano Il Mattino, oggi in edicola, Largo Barbuti non si può considerare più solo un’area pubblica, ci sono 100 metri quadrati nel largo che appartengono alla famiglia Tarcinale, sono quindi privati e la famiglia salernitana volendo può costruire ciò che vuole, un manufatto o un esercizio commerciale. Una ipotesi che preoccupa molti cittadini e amanti di quel pezzo storico nel cuore di Salerno, dove si svolge inoltre la storica e nota stagione teatrale estiva. L’amministrazione comunale potrà fare ricorso in appello ma prima dovrà attendere le motivazioni della sentenza, in un contenzioso che dura da 44 anni, parliamo del lontano 1972 quando la famiglia Tarcinale abitava nel Largo Barbuti. Successivamente la stessa famiglia fu mandata via, come si legge su Il Mattino, il palazzo fu demolito e nacque quello che oggi è il Largo Barbuti. Il Comune di Salerno potrà trovare anche un accordo con la famiglia salernitana per risarcire la quota riconosciuta dal giudice, cifra tutta da definire, con l’avvocato della famiglia Tarcinale che ha fatto sapere come i clienti attendano l’offerta dall’amministrazione ma, qualora non arrivasse, saranno libero di muoversi liberamente.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.