Pizzeria Betra Salerno

L’anno della Salernitana – SPECIALE 2019

Il resoconto mese per mese del 2019 della formazione granata

Carmine Raiola

Mancano poche ore alla fine del 2019 e, si sa,  Capodanno è tempo di bilanci. Quello che sta per andare via, è stato per la Salernitana un anno intenso sia dal punto di vista storico, con le celebrazioni per il centesimo compleanno della Bersagliera, sia dal punto di vista del campo con una stagione conclusa con i playout vinti contro il Venezia. Ma, prima dello scoccare della mezzanotte, vogliamo fare un passo indietro ed analizzare mese per mese, questo 2019 a tinte granata.

GENNAIO

Il primo mese dell’anno, inizia con il botto per la Salernitana. Gli uomini di mister Gregucci, infatti, il 18 gennaio vincono in rimonta al “Renzo Barbera” di Palermo, contro la capolista grazie ai gol di Andrè Anderson al 41′ e soprattutto di Casasola al 93′, che ribaltano l’iniziale vantaggio di Mato Jajalo. Dopo il match contro i siciliani, i granata affrontano all’Arechi l’ostico Lecce. I giallorossi di Liverani riescono ad imporsi a Salerno con le reti di Mancosu ( 4′) e dell’ex Simone Palombi ( al 20′), a nulla serve il secondo gol consecutivo di Anderson, la partita termina 1-2. Gennaio, però, è anche il mese della morte dell’ex granata Phil Masinga, che si spegne a Jhoannesburg all’età di 49 anni in seguito all’aggravarsi di una malattia di cui soffriva. Il sudafricano, con la maglia del cavalluccio marino giocò nella stagione 1996-1997, nella quale disputò 16 partite e siglò 4 reti.

palsal040

WE3_4151

AnnoGranata27

FEBBRAIO

Febbraio, inizia per la Salernitana con la trasferta di Padova, che si conclude con il risultato di 0-0. La partita successiva, è il derby contro il Benevento che, però, il club di via Salvador Allende perde per 0-1 a seguito dell’autogol di Alessandro Micai, dopo un’uscita sbagliata del portiere ex Bari. Ad Ascoli, invece, i granata ritrovano la vittoria con un perentorio 2-4, firmato da Casasola, Jallow ( doppietta) e dalla prima gioia con la maglia del cavalluccio marino dell’arciere Calaiò. Nella trasferta successiva contro l’Hellas Verona, Micai e compagni vengono sconfitti ad opera di una rete di Giampaolo Pazzini per 1-0. Nell’ultimo match del mese, la Salernitana conquista la vittoria in casa ai danni della Cremonese per 2-0.
AnnoGranata01

 AnnoGranata02

MARZO

Il terzo mese dell’anno non comincia bene per la Salernitana, viste tre sconfitte consecutive. La prima, al Renato Curi di Perugia contro la squadra umbra per 3-1, la seconda subita a domicilio dal Crotone grazie ad uno scatenato Simy ( autore di una doppietta) ed infine nella trasferta di Livorno per 1-0, con il primo gol stagionale di  Michele Rocca. Il primo punto del mese di marzo, i granata lo conquistano contro il Venezia in uno stadio Arechi privo della Curva Sud, che decise in quell’occasione di disertare il match terminato per 1-1 con l’ex Bocalon che al suo ritorno a Salerno da avversario, fa subito male alla sua ex compagine.

PerugiaSalernitana18

AnnoGranata28

 

AnnoGranata34
APRILE

Aprile può essere definito come il mese della rinascita di Milan Djuric. Il primo match che i granata affrontano, è quello contro lo Spezia che termina con una sconfitta nei minuti di recupero grazie al gol di Elio Capradossi, che completa la rimonta spezzina (iniziata da Mora) dopo l’iniziale vantaggio proprio di Djuric. Il momento d’oro del centravanti bosniaco, è confermato da Salernitana-Cittadella, partita terminata per 4-2 in favore dei granata e nella quale l’attaccante di Tuzla sigla una tripletta. A Pasquetta,però, i granata vengono sconfitti dalla capolista Brescia con un perentorio 3-0, cinque giorni dopo (il 27 Aprile ) Di Tacchio e compagni perdono per 2-5 contro il Carpi, fanalino di coda della classifica e peggior attacco del torneo.

SalernitanaCittadella36
BresciaSalernitana19
MAGGIO

Maggio è un mese horror per la Salernitana. I granata, infatti, vengono sconfitti in primis dal Foggia allo stadio “Pino Zaccheria” con il risultato di 3-1 e poi dal Cosenza all’Arechi per 1-2, con rete subita all’ultimo minuto da Palmiero. Per l’ultimo match della regular season, c’è un cambio in panchina, ritorna Leonardo Menichini che sostituisce Angelo Gregucci. All’Adriatico, però, la Salernitana viene nuovamente sconfitta ed i gol di Bettella e Ciofani, condannano i granata ai playout.

sal - 05 05 2019 salernitana cosenza nella foto delusione

PescaraSalernitana05
GIUGNO

Dopo una lunga telenovela legata allo svolgimento o meno dei playout ( con la Lega B che in un primo momento aveva salvato la formazione granata), il 5 giugno c’è la partita d’andata tra Salernitana e Venezia. All’Arechi, i gol di Djuric e Jallow consentono al club del cavalluccio marino di battere nel primo round la squadra lagunare ( in rete con Zigoni al 92′) per 2-1. Quattro giorni dopo ( 9 giugno), 1300 supporter di fede granata raggiungono il “Penzo” per sostenere Micai e compagni nel delicato match di ritorno. Al termine dei tempi regolamentari e dei supplementari, terminati sul punteggio di 1-0 per i padroni di casa e con la Salernitana in dieci uomini per tutto il secondo tempo in seguito all’espulsione di Minala, si arriva ai calci di rigori. Dal dischetto, i ragazzi di Menichini vanno sempre a segno, così  la parata di Micai su Bentivoglio ed il rigore decisivo di Francesco Di Tacchio, regalano ai granata la permanenza in serie cadetta. Dopo i playout, è tempo di festeggiamenti per il centenario. Le strade di Salerno, si colorano di granata e tanti sono gli eventi organizzati per celebrare il centesimo compleanno del club di via Salvador Allende.  Il 18 giugno, all’esterno della Curva Sud, gli ultras aspettano la mezzanotte con una grande festa animata da canzoni, ricordi e leggende della compagine del cavalluccio marino, il 19 un grande corteo granata attraversa il cuore della città partendo dallo stadio Vestuti fino ad arrivare in Piazza della Concordia, luogo della festa organizzata dal Comune di Salerno, dove sul palco salgono tantissimi ex giocatori che hanno fatto parte della storia centenaria della Salernitana. Il 20 giugno, invece, molte vecchie glorie granata si sfidano in un match nella location dell’arenile di Santa Teresa. A fine mese, 30 giugno, Gian Piero Ventura è nominato nuovo allenatore della squadra granata.

AnnoGranata41
AnnoGranata42
AnnoGranata44

AnnoGranata49

AnnoGranata47

AnnoGranata48AnnoGranata12 AnnoGranata15 sal - 19 06 2019 Festa del CentenarioNella foto:Foto FP reporter sal - 19 06 2019 Festa del CentenarioNella foto: Ciccio roccoFoto Tanopress DCIM100MEDIADJI_0039.JPG AnnoGranata10

LUGLIO

Il 15 luglio, parte il ritiro di San Gregorio Magno. Arrivano in granata i vari Billong, Giannetti, Kiyine, Lombardi, Maistro, Firenze e Morrone. Nelle prime due amichevoli, gli uomini di Ventura battono per 4-1 la Sambenedettese e pareggiano per 1-1 contro il Picerno.

WE3_6898 sal - 16 07 2019 San Gregorio Magno. Ritiro salernitana. nella foto

AGOSTO

Prime due gare ufficiali della gestione Ventura. Nel secondo turno di Coppa Italia, la Salernitana vince contro il Catanzaro grazie alle rete di Kiyine e la doppietta di Giannetti. La domenica successiva, però, i granata vengono sconfitti per 4-0 dal Lecce neopromosso in Serie A.  Il campionato, per Di Tacchio e compagni inizia nel migliore dei modi. Prima la vittoria casalinga per 3-1 contro il Pescara e poi il colpaccio esterno al “Marulla” di Cosenza ( con il gol di Marco Firenze ), permettono agli uomini di mister Ventura di occupare le posizioni di vertice. Agosto è anche il mese dell’arrivo in granata di Alessio Cerci, acquisto voluto fortemente dal trainer ligure, “padre calcistico” del fantasista ex Toro.

033
WE3_1846

SETTEMBRE

Il Settembre dei granata, non si apre nel migliore dei modi. Il 16 settembre, all’Arechi, arriva il Benevento di mister Pippo Inzaghi che batte per 0-2 gli uomini di mister Ventura, dopo una grande prestazione. Nel match successivo, Migliorini e compagni ritrovano i tre punti nella trasferta di Trapani grazie al rigore di Sofian Kiyine, contro il Chievo invece i granata pareggiano per 1-1. Nell’ultima partita di settembre, la Salernitana allunga la sua striscia positiva in trasferta, conquistando la vittoria anche al Picchi di Livorno dopo una partita nella quale il club di via Salvador Allende è stato sotto per ben due volte, risolta nei minuti di recupero da un colpo di testa di Milan Djuric.

DFDX5799
sal - 22 09 2019 Trapani - Salernitana. Nella foto niccolò giannetti
ALFY1096

OTTOBRE
Nel primo match di Ottobre, i granata hanno la possibilità di balzare al primo posto in graduatoria. La partita contro il Frosinone, però, termina per 1-1 con gli uomini di mister Ventura che non sfruttano la superiorità numerica avuta per più di un tempo e subiscono il gol del pareggio al 95′. Nella trasferta di Venezia,l’ex granata Bocalon punisce nuovamente la sua vecchia squadra ed interrompe la striscia di vittorie fuori casa degli uomini di mister Ventura. Contro il Perugia, ancora una volta la Salernitana ottiene un pareggio dopo essere andata in vantaggio e poi essere stata raggiunta al 90′. A Pisa, i granata subiscono la seconda sconfitta consecutiva in trasferta con il risultato di 2-1, dopo una prestazione sottotono.

AnnoGranata06
WE1_7175

NOVEMBRE

Primo avversario dei granata a Novembre, è la Virtus Entella che viene sconfitta grazie alle belle reti di Maistro ( punizione) e Jallow ( tiro dalla distanza) per 2-0. Nella trasferta di Cremona, la Salernitana esce ancora battuta lontana dall’Arechi, questa volta per 1-0 dopo un gol di Ciofani viziato, però, da un fuorigioco del compagno di reparto Ceravolo. Dopo la sosta per i match della Nazionale, è tempo di derby contro la Juve Stabia. I granata, però, allo stadio Menti sembrano la brutta copia della formazione vista nei mesi passati e vengono sconfitti con il punteggio di 2-0, in seguito alle marcature di Cissè e Canotto. Nell’ultimo match di Novembre, la Salernitana pareggia per 1-1 contro l’ostico Ascoli, che con un gol di Scamacca riesce a recuperare il punteggio dopo essere andato in svantaggio per il gol di Cristiano Lombardi.

AnnoGranata05 AnnoGranata24
SalernitanaAscoli (29)

DICEMBRE

L’ultimo mese dell’anno si apre con una brutta prestazione dei granata. Al “Tombolato” di Cittadella, infatti, dopo essere andati in vantaggio grazie al gol di Milan Djuric, gli uomini di mister Ventura si fanno rimontare e vanno sotto per 4-1. Solo nei minuti finali Giannetti e Kiyine ( su rigore) dimezzano lo svantaggio ad una sola rete ma nei minuti di recupero è proprio il già citato attaccante ex Cagliari a sbagliare il pallone del pareggio, la partita termina con il risultato di 4-3 per i padroni di casa. Quattro minuti prima del fischio finale,  Gian Piero Ventura abbandona il terreno di gioco, con un comunicato sul suo sito ufficiale, poi, la società granata chiarirà che tale allontanamento è stato causato da un’indisposizione personale del trainer ligure. Tornando al campo, nel match casalingo contro il Crotone, Djuric e compagni ritrovano la vittoria, con il punteggio di 3-2. Al “Castellani” di Empoli, invece, i granata pongono fine al filotto di sconfitte esterne, pareggiando per 1-1. La prestazione più bella degli uomini di mister Ventura, è giocata nel giorno di Santo Stefano, quando la Salernitana batte per 4-0 il Pordenone, seconda forza del campionato. Sugli scudi, Djuric e Kiyine autori entrambi di una doppietta che proietta i granata all’ottavo posto in classifica. Nell’ultima partita dell’anno, però, i granata cadono nuovamente lontano dalle mura amiche, questa volta a  La Spezia, dove Micai e compagni vengono battuti per 2-1.

AnnoGranata04
WE3_4221
CAN_8744

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.