“L’ambiente? Realtà che non interessa”

A Capodanno lo scempio ambientale è amplificato fra botti e lanterne clandestine.

Pasquale Petrosino

di Pasquale Petrosino

Un fine anno con i botti, quello appena trascorso dalla nostra città che ha registrato una notevole partecipazione di pubblico nell’attesa del nuovo anno in piazza. Tantissimi fuochi di artificio consumati e venduti con una certa disinvoltura fra le strade cittadine. Una dimostrazione di vera insensibilità nei confronti di temi importantissimi quali la nostra salute, la salute dell’ambiente e non in ultimo la salute dei nostri amici animali.
I fuochi di artificio fanno male alla salute: creano ulteriori polveri sottili e tantissime particelle metalliche nell’aria. Non c’è solo il conto salato di morti e feriti per le conseguenze dirette delle esplosioni. I botti,hanno effetti pesanti sulla salute di uomini e animali oltre che sull’ambiente, saturando l’aria di polveri sottili e sostanze chimiche dannose.
Il livello di particolato sottile in atmosfera, aumenta del 42% con l’esplosione dei fuochi di artificio. Una ricerca dell’istituto di diagnosi ambientale di Barcellona, pubblicata sul Journal of Hazardous Materials ha invece trovato che botti e fuochi emettono particelle metalliche, legate alla colorazione. “Questo mette a rischio la salute – scrivono gli autori -, con effetti più’ acuti su persone con asma o problemi cardiovascolari“.
Sono diversi gli studi che hanno trovato una correlazione tra fuochi d’artificio e problemi di salute. Uno sull’International Journal of Environmental Studies, ad esempio, ha trovato un aumento del 113% delle malattie respiratorie trattate in un ospedale dopo una giornata di spettacoli pirotecnici, con patologie che vanno dall’asma alla broncopneumopatia ostruttiva.
In questo nuovo anno a scenario della notte più attesa dell’anno, oltre i fuochi di artificio si è registrata una vera è propria esplosione, è il caso di dire, di lanterne volanti, acquistate da ambulanti abusivi presenti a ridosso della spiaggia di santa Lucia.
Le lanterne sono ecologiche? Beh, se le paragoniamo ai botti non c’è dubbio. I fuochi artificiali producono molti più fumi, bruciano quantità molto maggiori di polvere pirica con additivi chimici di vario tipo utilizzati per ottenere colori e effetti, e producono più rifiuti.Tuttavia va ricordato che stiamo parlando sempre di fuoco e di rifiuti che vengono dispersi sul territorio, quindi anche le lanterne vanno usate con moderazione e con il cervello ben acceso. E’ triste vedere lanterne impigliate fra i rami di alberi che dopo qualche istante vengono bruciati e ancora vedere cadere le carcasse in mare di queste lanterne di “fortuna”, perché acquistate su bancarelle di dubbia provenienza, e rimanere li a “duratura memoria” così come i rifiuti dei fuochi di artificio. Abbiamo capito realmente che c’è una vera e propria emergenza ambientale? che curare l’ambiente è una questione di priorità assoluta affinché ogni specie vivente, compreso la nostra possa continuare a vivere? la risposta, visti gli atteggiamenti è decisamente NO.

Commenti

I commenti sono disabilitati.