Pizzeria Betra Salerno

La vittoria nel derby per finire bene e per ripartire meglio…

Il successo sull'Avellino soddisfa i tifosi che, però, già hanno esposto le loro richieste alla proprietà

Nicola Roberto

Dal Verona all’Avellino, l’Arechi ha fatto da teatro alle ventuno recite stagionali dei granata tra le mura amiche. Dal pari con gli scaligeri alla vittoria sui lupi è passata tanta acqua sotto i ponti. All’esordio c’era Sannino, all’ultima esibizione interna c’era Bollini. In un caso come nell’altro c’erano i tifosi. Numerosi, caldi, appassionati come sempre, desiderosi di sognare e di vincere. E se un merito va ascritto a Bollini ed ai suoi ragazzi è proprio quello di aver regalato un piccolo sogno ai loro supporters nel frangente in cui hanno inanellato quattro vittorie di fila. I playoff sono sfumati, ma quanto meno la classifica dei granata è stata meno asfittica e deprimente di quella della passata stagione. Il derby con l’Avellino ha regalato a Codi e soci altri tre – meritatissimi – punti ed ora c’è la trasferta di Perugia come ultima tappa di un percorso mai troppo continuo e lineare che la Salernitana ha disegnato lungo i nove mesi del campionato cadetto, ma lo sguardo è già rivolto al futuro. E la vittoria di ieri fa gioco a tutti perchè consente di chiudere in bellezza la stagione, dal momento che i tifosi granata tenevano molto alla sfida con i lupi irpini, ma rappresenta anche un ideale ponte verso il futuro. I tifosi hanno ringraziato la società per quanto finora fatto, ma a Lotito e Mezzaroma chiedono di crescere ancora. Salerno si tiene stretta la B, ma ambisce alla massima serie o, quanto meno, a lottare per i primi posti e la proprietà lo sa bene. Ora, perciò, non bisogna lasciarsi sfuggire l’occasione: il campionato non ha riservato i patemi di quello precedente e c’è tanto tempo a disposizione per programmare. Attendere l’esito della battaglia politica per la presidenza della Lega B o che dalla Figc arrivi una parola definitiva sulla questione multiproprietà è legittimo da parte della proprietà, ma ciò non deve rallentare i tempi per la programmazione della prossima stagione. Il derby ha rinsaldato il legame tra tifosi e squadra, dalla tifoseria è giunta l’ennesima apertura nei confronti della proprietà, una sorta di assist che i due patron devono tramutare nel gol più atteso.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.