Taste - Sapori mediterranei

La “Traslazione”, le spoglie di San Matteo a Salerno come nel 954′ – LE FOTO

La celebrazione nelle strade del centro storico, l’arrivo delle spoglie del Santo in città come il 6 maggio del 954'

Si è tenuto oggi il primo dei tre giorni di celebrazione dedicati al Santo Patrono di Salerno. Precisamente la “La traslazione di San Matteo: storia e tradizione” che celebra l’arrivo delle sue spoglie in città il 6 maggio del 954.

Il programma dei festeggiamenti è stato intenso, intreccia aspetti religiosi ed eventi di carattere culturale. Si è partiti ieri sera nella Sala San Tommaso, in Duomo, con la relazione della dottoressa Galdi, docente di Storia Medioevale all’Università degli Studi di Salerno.

Quest’oggi dalle 8, al Duomo, hanno parteciperanno anche le scuole salernitane. Gli alunni si sono uniti nell’atrio infiorato visitando la Cattedrale, la Cripta, il Tesoro di San Matteo. Mentre alle 17, le parrocchie e i gruppi di pellegrini hanno attraversato la Porta Santa.
Alle 19 il Solenne Pontificale con il sindaco e l’amministrazione comunale di Casal Velino che ha presentato e offerto la lapide della cappella di San Matteo dove furono ospitate le spoglie per 5 secoli. Alle 20.30, nell’atrio del Duomo, la rievocazione storica “San Matteo vita, miracoli e traslazione”, a cura degli attori della Compagnia Animazione ‘90 con la regia di Gaetano Stella. Successivamente il Santo Rosario, fiaccolata dalle ore 19.30 e concerto Lirico Sinfonico dell’Orchestra di Fiati del Liceo Alfano I di Salerno dalle 21.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.