Pizzeria Betra Salerno

La Salernitana mette la freccia con Bidaoui

Il calciomercato dei granata è in pieno fermento, Lotito sta cercando di portare a termine le ultime operazioni per rinforzare la truppa a disposizione di Torrente.

Mancano sei giorni alla chiusura del calciomercato e la Salernitana è ancora alla ricerca della quadratura perfetta. Claudio Lotito ha preso in mano le redini del mercato da qualche settimana delegittimando di fatto il Direttore Sportivo Angelo Fabiani. La società sinora ha già rinforzato la truppa agli ordini di Torrente, l’arrivo dei giovani Bagadur, Prce, Ronaldo e Oikonomidis ha dato nuova linfa ai granata; mentre l’acquisto degli esperti Ceccarelli e Zito è servito per dare più sicurezza ed esperienza nei momenti cruciali della partita. In uscita sinora hanno lasciato l’ombra dell’Arechi il capocannoniere della scorsa stagione in Lega Pro Umberto Eusepi, il tornante Perrulli e il granitico difensore Maurizio Lanzaro. Da qualche settimana, inoltre, sono ai margini della squadra in attesa di sistemazione il difensore Pollace e due degli acquisti principe di quest’estate Sciaudone e Troianiello. Infine, sembra che anche Manolo Pestrin sia in odore di cessione o di promozione a dirigente, il suo contratto con i granata scade il 30 giugno prossimo.
La società è alla ricerca ancora di qualche giocatore per puntellare la rosa a disposizione di Torrente. L’allenatore nativo di Cetara se vuole continuare con il suo amato 4-3-3 ha bisogno di almeno un altro esterno d’attacco; il nome più caldo al momento è quello di Mamadou Tounkara appena rientrato dal prestito a Crotone. L’attaccante spagnolo ha però dato la sua parola all’Ascoli, quindi solamente un intervento personale di Claudio Lotito può sbloccare la situazione a favore della Salernitana. La partenza di Eusepi ha reso vacante un posto al centro dell’attacco, dove il solo Donnarumma è rimasto come alternativa a Massimo Coda. Nelle ultime ore è circolato il nome di Richmond Boakye, il quale però non è mai stato veramente trattato dai granata; infatti il Latina sembra ormai essersi assicurato le prestazioni dell’attaccante di proprietà dell’Atalanta, rientrato in Italia dopo sei mesi al Roda. La Salernitana sta attualmente concentrando tutte le sue forze su Andrea Cocco, punta in forza al Pescara quest’anno e autore di appena di una rete. Dopo la roboante vittoria della squadra abruzzese a Perugia, il presidente dei biancocelesti Daniele Sebastiani ha dichiarato: “Cocco alla Salernitana? Dipendesse da noi no. Il ragazzo non ha chiesto la cessione, ma non teniamo nessuno a dispetto dei santi”. Il Pescara chiede molti soldi per la cessione dell’attaccante, gli abruzzesi vogliono rientrare dal forte investimento fatto quest’estate quando lo hanno acquistato dal Vicenza; l’alternativa sarebbe un prestito con l’obbligo del riscatto ad una cifra prestabilita.
L’altra pista calda era quella che portava a Matteo Ardemagni del Perugia, ma sembra esserci stato solamente un timido approccio da parte dei granata e nulla di concreto.
Torna attuale il nome di Soufiane Bidaoui, attaccante esterno che la Salernitana aveva inseguito anche durante la sessione estiva del mercato. L’ex Parma è attualmente svincolato e non gioca dalla scorsa stagione. Il calciatore sta provando a tenersi in forma in Grecia il diesse Fabiani proverà a convincerlo offrendogli un biennale a cifre molto ridimensionate rispetto ai 450mila euro richiesti qualche mese fa. Bidaoui è una sgusciante ala capace di coprire entrambe le fasce. Il perfetto identikit, se in forma naturalmente, per il tridente che ha in mente Torrente.
Nelle ultime ore sono circolati anche i nomi di Leonardo Davide Gatto, ala sinistra di proprietà dell’Atalanta in prestito al Vicenza dove ha realizzato due reti. Patron Lotito sta pensando anche di far arrivare da Ancona un giovane della Lazio, la punta Cristiano Lombardi, il quale però sta avendo poco spazio nelle Marche e potenzialmente ne avrebbe ancor meno nella Salernitana. In difesa i nomi più gettonati sono quelli di Luis Cavanda e di Edson Braafheid. Cavanda ora in forza al Trabzonspor sembra molto lontano dal poter raggiungere Salerno, il motivo è da ricercare sia nel forte ingaggio percepito e sia nella volontà del terzino di giocarsi tutte le sue chance di essere convocato dal Belgio per i prossimi europei. Braafheid, invece, è una pista più percorribile visto il cartellino di proprietà della Lazio e l’eventuale ingaggio pagato per la sua interezza dalla società biancoceleste. Bisogna solo convincere l’olandese vice campione del Mondo a scendere di categoria, un passo indietro che gli potrebbe giovare per trovare continuità.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.