Pizzeria Betra Salerno

La Pro bestia nera per i granata: lo scorso anno Sprocati “esonerò” Sannino e arrivò Bollini

La Salernitana non ha mai vinto contro le bianche casacche

Enzo Sica

Una bestia nera per la Salernitana è proprio la Pro Vercelli. E il confronto-scontro di sabato all’Arechi è una occasione da non perdere per i granata affinché possano mettere nella casella vittoria il primo sigillo. Si, perchè nei precedenti quattro scontri non c’è stato mai un sorriso per la Salernitana. Tre vittorie per i piemontesi ed un pareggio. Questo lo score, negativo, per la squadra di Colantuono che giocoforza sabato pomeriggio dovrà vincere questa gara delicata dopo le ultime due sconfitte. La Pro Vercelli non va sottovalutata. Squadra sorniona quella allenata dai salernitani Grassadonia e Fusco che quando gioca in Campania, a Salerno in particolare, sfodera prestazioni di primo piano. Come quelle di tanti anni fa (parliamo di oltre sessant’anni) con sfide che purtroppo non hanno mai arriso ai colori granata. Due anni fa si sono incontrate le due squadre in cadetteria. Sulla panchina granata sedeva Torrente. E fu un 1 – 2 micidiale quello di Mustacchio che fulminò i granata malgrado il gol del pareggio di Donnarumma. Lo scorso anno altra esibizione che sembrava dovesse finire a favore della Salernitana. Che segnò il gol dell’1 a 0 e riuscì fino all’85’ a mantenere la vittoria. Poi entrò Sprocati, si proprio il calciatore ora con la maglia granata, siglò la rete del pareggio. Si giocava di venerdì sera, c’era Sannino anche se squalificato, seguì la gara dalla tribuna stampa. Al triplice fischio una veemente contestazione da parte dei tifosi lo costrinse a dimettersi. Ed al suo posto il lunedì successivo subentrò Alberto Bollini esonerato all’inizio dello scorso mese di dicembre per far posto a Stefano Colantuono.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.