Scarpe per bambini - Millepiedi

La potenza dei Queen in concerto approda al cinema

Il 16, 17 e 18 marzo nelle sale salernitane arriva "Queen Rock Montreal"

admin

Dove e quando

Al cinema

Era il 24 novembre 1981 quando i Queen salirono sul palcoscenico del Forum di Montreal. Solo un anno più tardi, Freddie Mercury – leader e anima della rock band inglese – sarebbe morto a causa di una polmonite, giunta come complicazione dell’Aids, ponendo fine – di fatto – ad un’epoca. Una delle esibizioni live più belle della storia del rock, seconda solo ai veri e propri spettacoli messi in scena nel 1986 nelle due date del “Magic tour” tenutosi nel vecchio stadio di Wembley e all’esibizione al Live Aid del 1985. Un concerto memorabile che, ora, si appresta a far rivivere – a 34 anni di distanza – le stesse emozioni di allora.

La magia del concerto di Montreal del novembre ’81 rivivrà sugli schermi delle maggiori sale cinematografiche italiane i prossimi 16, 17 e 18 marzo – restaurato e rimasterizzato in ultra HD e con un magnifico surround sound – con una proiezione unica dello storico concerto – fu il primo ad essere girato integralmente in formato 35mm – in terra canadese. Non è la prima volta che una delle celeberrime esibizioni live del quartetto inglese approda al cinema: già nel 2012, infatti, ben 80mila italiani decisero di gustarsi “Hungarian Rhapsody”, il live di Budapest. E anche gli appassionati rockers salernitani e i fan del gruppo inglese avranno l’opportunità di vivere quei momenti, facendo un salto indietro nel tempo e godendo di una delle migliori performance di quella che è da più parti considereata come la miglior band live della storia. Queen rock Montreal, infatti, approderà anche nei cinema di Salerno e della sua provincia: sarà nelle sale dell’Apollo e del The Space a Salerno, all’Alhambra di Cava de’ Tirreni, al multisala La Fenice di Pagani ed al Duel village di Pontecagnano. Un appuntamento imperdibile per tutti gli estimatori del gruppo formato da Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor e John Deacon.

Erano gli anni di The Game, l’ottava fatica discografica dei Queen, datata 1980 e il concerto di Montreal rientrava proprio nel tour mondiale di promozione del disco. Un album controverso, innovativo, con cui il gruppo inglese diede una nuova immagine di sé e della propria musica: via i lunghi capelli e l’aspetto bohémien che fin dal 1972 li aveva contraddistinti; dentro abiti in pelle, capelli corti e uno stile molto vicino a quello del nuovo ciclone “Grease” che aveva da poco travolto gli Stati Uniti. Dentro anche nuovi elementi musicali, con la presenza sempre più costante deei sintetizzatori che, fino a quel momento, i Queen avevano sempre disdegnato, non mancando di specificarlo tra i credits di ogni loro disco (con la dicitura “No synth”). Elettronica, funk e disco fanno la loro comparsa tra le 10 tracce di The Game. Circostanze che se da una parte fecero storcere il naso a quale fan integralista della band, dall’altro introdusse i Queen in una dimensione musicale molto più ampia, sicuramente più commerciale. Riprova ne furono i riscontri di vendita: fu il primo disco dei Queen a raggiungere, per diverse settimane consecutive, la prima posizione in chart nelle classifiche di Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna.

Una scaletta di impressionante spessore che unì i successi di quell’anno con i più grandi pezzi dei Queen: We will rock you (nelle versioni classica e fast), Let me entertain you, Play the game, Somebody to love, Killer queen, I’m in love with my car, Save me, Love of my life, Under pressure, Keep yourself alive, Crazy little thing called love (brano di punta del nuovo disco), Bohemian rhapsody, Tie your mother down, Another one bites the dust (altro celeberrimo successo contenuto in “The Game”) e, in chiusura, come in ogni loro performance live We are the champions, seguita dall’inno nazionale britannico “God save the queen” rivisitato in chiave rock proprio dalla band.

Insomma, un appuntamento assolutamente imperdibile per chiunque voglia assaporare un po’ di storia della musica e immergersi in un emozionante passato.

 

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.