Pizzeria Betra Salerno

Jaro e Sofian, gemelli diversi e “pilastri”

Uno si affacciava sul fiume Bystrzyca, l’altro a passeggio per les quais en bord de Vesdre. Jaroszynski e Kiyine, mondi diversi sullo stesso versante, quello sinistro, pilastri della Salernitana plasmata da Gian Piero Ventura per “costruire” qualcosa di buono. Ieri, 2 ottobre, sia il polacco che il marocchino nato in Belgio hanno festeggiato il compleanno, nati lo stesso giorno ma in anni diversi, 25 candeline per Paweł e 22 per Sofian, stacanovisti granata. Il difensore da quando è arrivato il suo centro-sinistra non lo lascia a nessuno, e pensare che con il Chievo faceva la spola proprio con Sofian sulla fascia, ora giocano uno davanti all’altro, con l’esterno marocchino che ha conosciuto la nuova posizione disegnata dal mister.

La posizione di Kiyine

Proprio Sofian, duttile com’è, potrebbe avviare una soluzione nell’ultimo match da tour de force contro il Frosinone. Kiyine mezzala per far riposare Firenze (non brillantissimo) con Lopez riconfermato sulla fascia. Difficile adesso una previsione del genere, magari a gara in corso, intanto il marocchino tornerà dopo lo stop forzato dall’espulsione (doppio giallo) rimediata in casa contro i clivensi. Tornerà la qualità sulla sinistra mentre Ventura spera di recuperare quanto prima anche Lombardi.

Prove di formazione

L’esterno scuola Lazio deve conquistarsi uno spazio sul lato opposto, quello occupato da Cicerelli che sta facendo il bello e il cattivo tempo, con prestazioni anche sorprendenti, ma che ha bisogno di inevitabile riposo dopo gli impegni ravvicinati. In mediana gli affanni più intensi, solo Di Tacchio “sopravvive”, nella staffetta ci sono Odjer, Maistro e come detto, Marco Firenze. Ancora presto per rivedere Akpa, Ventura potrebbe preferire il ghanese all’ex Rieti, riconfermando Firenze oppure provando la soluzione con Kiyine in quel ruolo, in una gara sicuramente delicata come quella di domenica, il Frosinone e soprattutto Alessandro Nesta si giocano tutto. Il tecnico, già campione del mondo, rischia di saltare in panchina. Sull’uscio c’è Longo, vecchia conoscenza ciociara e anche di mister Ventura. Si chiuderà la settimana così, aspettando anche la pausa nazionali, intanto Jaro e Sofian hanno intenzione di festeggiare, a modo loro.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.