Taste - Sapori mediterranei

Salerno e provincia: numeri in calo, meno bebè e meno decessi

Da gennaio a giugno 2016 sono state circa 4.042 le nascite registrate, rispetto alle 4.297 dello stesso periodo del 2015

Federica D'Ambro

A Salerno e Provincia è stato registrato un calo delle nascite ma anche dei decessi. Numeri dichiarati dal primo semestre di quest’anno dell’Istat, relativi al bilancio demografico. Da gennaio a giugno 2016 sono state circa 4.042 le nascite registrate, rispetto alle 4.297 dello stesso periodo del 2015. Le morti, invece, sono state 5.534 contro le 6.195 del primo semestre dell’anno precedente. Aumentano i fiocchi azzurri, 2.126, rispetto a quelli rosa che sono 1.916. Il mese che ha fatto registrare più nascite, da inizio anno, è stato marzo (743).
In base a questi dati si può guardare il bicchiere mezzo pieno e considerare che tutto sommato la vita a Salerno e in provincia, con la cucina mediterranea e l’andamento delle giornate, si allunga. Se guardiamo il bicchiere mezzo vuoto, però, le nascite sono in calo. Un calo che si registra in base alla disoccupazione giovanile, ai giovani che cercano sempre più la fuga da Salerno, considerando le poche possibilità di lavoro.
Sono proprio in base a questi ragionamenti che l’Istat ha fornito ulteriori dati su chi decide di lasciare Salerno per trovare fortuna altrove. Secondo i dati, infatti, dal 1° gennaio al 30 giugno 2016, 12.517 cittadini si sono trasferiti (molti anche con destinazione Estero), con la conseguente cancellazione dai registri comunali.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.