Scarpe per bambini - Millepiedi

Salerno, inaugurato in città il primo “Canapa Info Point”

Grazie a un gruppo di giovani, da oggi, sarà possibile acquistare in via Luigi Conforti, prodotti realizzati con la Canapa, alimentari come pasta e farina, abbigliamento, concimi e molto altro

Federica D'Ambro

Ha aperto i battenti il primo Canapa Info Point di Salerno, il negozio che prende il nome di “420 Italia” ha inaugurato, ieri pomeriggio, in via Luigi Conforti. Sulla spinta di una nuova attenzione che tutto il mondo sta dedicando a questa pianta, anche in Italia, le cose stanno iniziando a cambiare. La canapa è rinnovabile, biodegradabile e vantaggiosa per l’ambiente. Sono innumerevoli le possibilità che la canapa industriale può dare, dai semi, alla coltivazione, la farina, prodotti di bellezza e medicinali e, da ieri, anche a Salerno sarà possibile trovare e comprare questi prodotti. “Canapa Info Point” è un’associazione presente in tutta Italia, composta da giovani ragazzi, studenti di agraria e non, uniti contro il proibizionismo ai fini industriali.
Augusto Siciliano, Gianmaria Baldi, Davide Gentile, Antonio Di Petta, Luigi Mantuano, Carlo Monaco, Mario Avallone, Emanuele Altezza e Marco Albano, sono i giovani che hanno deciso di fare della Canapa una professione, lavorando contro il proibizionismo che ancora oggi esiste in tutta Italia e inaugurando questo nuovo punto salernitano. Dando così la possibilità di far conoscere prodotti biologici, sani e, soprattutto, a kilometro 0.
Un momento importante, per sensibilizzare il territorio, vista la legge presentata a luglio alla Camera dei Deputati per la legalizzazione della cannabis in Italia redatta dall’Intergruppo “Cannabis Legale”. Il ddl è stato firmato da 218 parlamentari tra Camera e Senato.

“Grazie alla Canapa è possibile immaginare un mondo che non dipenda più dal petrolio, facendo rinascere un’industria basata su circuiti economici virtuosi, nei quali l’uomo può trarre il profitto necessario rispettando l’ambiente. L’italia è il paese del sole e delle eccellenze agronomiche, potrebbe rinascere una filiera agricola ed industriale sostenibile, creano migliaia posti di lavoro, sia nelle industrie che ne laboratori di analisi che nei negozi di vendita al dettaglio”.
Questo il pensiero e l’obiettivo dei giovani che ieri hanno fatto un primo passo sul territorio Salernitano, ma che danni lavorano in tutta la Campania.

Infatti, va ricordato che, quasi un secolo fa l’Italia era la principale produttrice di Canapa. Fibre tessili, alimentari, oli e persino macchine, venivano costruite grazie a questa pianta. Ovviamente era risaputo che una piccola parte (gli scarti della pianta) potevano essere utilizzate a scolo ricreativo. Negli anni trenta la tecnologia eco-sostenibile della canapa appariva in grado di fornire materie prime a numerosi settori dell’industria.

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.