Taste - Sapori Mediterranei

Parcheggiatori abusivi: in manette il “sistema”, in alcuni spazi si muovono i “cani sciolti”

Ancora critica la situazione in zona Stadio Arechi, deserte invece piazza Casalbore e la zona di via Roma, ma nel parcheggio in piazza Mazzini c'è chi "preme" il bottone e prende il ticket per te

Girano, con la massima discrezione, più accorti che mai, sono i cani sciolti che si sono buttati su alcune zone lasciate “scoperte” da chi prima le presidiava con costanza ed è stato bloccato dal blitz dei Carabinieri di Salerno. Si muovono a braccia larghe, la classica “offerta a piacere”, anche spicci per le sigarette o il caffè. Così si legge sul quotidiano Il Mattino, oggi in edicola, dove si evidenzia come in alcune zone della città ci sia il movimento di di altri parcheggiatori abusivi che non hanno ancora presidiato alcuna zona ma si muovono in base al flusso dei veicoli in sosta e parcheggio. Succede in via Carmine Calò dove c’è una ragazza che riceve qualche spicciolo dagli automobilisti, ma anche in piazza Vittorio Veneto accade la richiesta, come racconta il quotidiano Il Mattino, il metodo vede i parcheggiatori abusivi lontani e non più in presidio, si avvicinano solo quando si accorgono di un parcheggio, con massima discrezione passano e chiedono qualcosina. Stessa situazione ma con metodi diversi in piazza piazza Mazzini e piazza della Concordia, dove in particolare si trova spesso una donna extracomunitaria che preme per il te la macchinetta dei ticket, qualcuno la ignora altri concedono qualche spicciolo. Più critica, invece, la questione nella zona dello Stadio Arechi dove un uomo in bastone, come si legge sempre sul quotidiano Il Mattino, “regola” il flusso di altri ragazzi in presidio, attendono che qualcuno parcheggi e si avvicinano, senza particolare insistenza ma vengono il più delle volte accontentati nella richiesta. Deserte, invece, le zone di piazza Casalbore e via Roma, così come il lungomare.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.