Pizzeria Betra Salerno

IL PUNTO SULLA B – Crisi nera a Cesena, Frosinone torna a sognare

Questa sera la Spal in casa del Trapani

Enzo Sica

Le emozioni sono di quelle forti, da ricordare perché se il favoritissimo Verona incassa nove gol in due gare e lamenta qualche scricchiolio, allora bisogna dire che questo campionato di serie B è bello e aperto perché le inseguitrici, vedi Cittadella e anche Benevento non vogliono assolutamente già alzare bandiera bianca. Tutt’altro. Soprattutto il Cittadella di Venturato che dopo aver subissato sotto il pesante fardello di cinque reti proprio il Verona ha fatto chiaramente intendere che loro, i patavini, sono li e con  nove vittorie su quindici gare c’è tanta voglia di andare avanti. Così come il Benevento di Baroni che ha battuto nettamente il Brescia consolidando la terza piazza. In attesa anche del Frosinone che vede la capolista, l’aggancia in vetta dopo un lungo inseguimento, gioca una bella gara a Novara, realizza con Cocco il gol del vantaggio ma viene raggiunta da una rete dell’ex Sansone. Prima di segnare con Ariaudo la rete-vittoria. Ovviamente soddisfatto Marino che vede il primo posto e si propone come un serio candidato alla A dopo ben 5 vittorie consecutive. Ieri però non era facile giustiziare al Piola quel Novara che solo sette giorni fa era passato al Bentegodi con 4 reti. Ora le squadre sono davvero racchiuse in un fazzoletto. Vedi la stessa Spal che deve giocare ancora contro il Trapani o il Perugia che due volte in vantaggio ad Ascoli con Guberti e Dezi viene raggiunto in extremis da un gol del mai domo Cacia. Un punto pesante  che porta la squadra di Bucchi a 24 punti, a sei dalla prima della classe. Poi c’è un grande vuoto perché la sconfitta del Carpi a Bari ha rimesso in gioco proprio la compagine di Colantuono anche se è rimasta ancora ai limiti della zona play off. Strana la squadra di Castori. In casa è una compagine fortissima, fuori casa fa acqua da tutte le parti. Il ritorno alla vittoria dell’Avellino e della Ternana sono le cose da rimarcare in questa quindicesima giornata. Ma anche la caduta del Cesena (tre gare di Camplone in panchina due sconfitte) la dice lunga su come i romagnoli siano in grande affanno e difficoltà E dovranno pensare solo a salvarsi visto che con tredici punti dopo 15 gare non si va da nessuna parte. Gli ultimi due pareggi della giornata riguardano la Pro Vercelli contro il Vicenza e il Latina contro la Salernitana. Pari annunciati? Macchè. Il giovane Longo alla guida della Pro Vercelli sta facendo un buon lavoro  ed i sedici punti rispecchiano il campionato fino ad ora. Respira il Vicenza di Bisoli unica squadra a non aver ancora vinto al Menti. Per la Salernitana, invece, un punto pesante al Francioni di Latina. Ritorna la pareggite acuta (otto gare su quindici per i granata) così come lo stesso Latina che di pareggi ne ha fatto altrettanti. Le due squadre navigano a vista tra la zona play off e quella play out in attesa, si spera soprattutto per la Salernitana, di fare un bel balzo in avanti nelle prossime gare prima della fine del girone di andata.
di Enzo Sica
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.