Taste - Sapori mediterranei

Il dossier dell’Antimafia sulla camorra a Salerno e provincia

Dal capoluogo all'Agro, passando per il CIlento: la mappa dei clan nel rapporto della Dia

E’ una relazione dettagliata quella stilata dalla Direzione investigativa Antimafia che traccia la mappa di quelle che sono le organizzazioni criminali che operano sul territorio salernitano, da Salerno ad Agropoli, passando per l’Agro. Lo riporta il quotidiano Metropolis, oggi in edicola, presentando il dossier dell’Antimafia:

“A Salerno-si legge – si conferma il ruolo di rilievo del clan D’Agostino-Panella. Traffico di stupefacenti, usura ed estorsioni sono le principali attività illecite gestite dal sodalizio”. Il rapporto sulla camorra assegna la Valle Dell’Irno ai Genovese, mentre la Costiera Amalfitana, lontana da comandi diretti, richiama investimenti. L’agro nocerino pare diviso ad Angri mentre a  “Nocera Inferiore – si legge nel dossier della Dia –  si registra l’attivismo di vecchi cutoliani, con esponenti del gruppo Mariniello-Pignataro”. Per l’Antimafia a Scafati è accertata l’egemonia dei Matrone mentre in Cilento c’è l’ombra lunga dei Fabbrocino. Piana del Sele, invece, tra Marotta e i Marandino.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.